Applicazione dell’aliquota agevolata di registro sulla prima casa: il parametro prioritario da considerare è la superficie complessiva

 

Nella Sentenza n. 8146 del 22 aprile 2016, la Corte di Cassazione afferma che l’art. 2 del Dl. n. 12/85, convertito con modificazioni dalla Legge n. 118/85, nel delimitare il proprio ambito di applicazione alle abitazioni non di lusso, rinvia ai parametri fissati dal Dm. 2 agosto 1969, senza alcun riferimento alle categorie catastali.

Ne discende che il carattere non di lusso del fabbricato, per l’applicazione dell’aliquota agevolata di registro sulla “prima casa”, deve essere riscontrato sulla sola base dei criteri indicati dal citato Dm., mentre resta priva di autonoma e decisiva rilevanza la classificazione catastale, dovendosi considerare prima di tutto se la superficie complessiva superi il massimo previsto per la fruibilità dell’agevolazione.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 8146 del 22 aprile 2016


Related Articles

Tariffe Tari: non possono essere adottate tardivamente attraverso l’esercizio del potere di convalida

Nella Sentenza n. 815 del 12 agosto 2016 del Tar Basilicata, un Consiglio comunale ha approvato, con Delibera, unitamente al

Tosap: occupazione suolo pubblico per le autostrade

Nell’Ordinanza n. 19693 del 25 luglio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità sono chiamati ad esprimersi in

Il parere della Corte sulle spese di viaggio sostenute da Sindaco e Assessori

Nella Delibera n. 191 del 14 ottobre 2014 della Corte dei conti Toscana, pubblicata ieri, un Comune chiede: 1)         se