Modalità di calcolo delle capacità assunzionali per gli Enti Locali

Modalità di calcolo delle capacità assunzionali per gli Enti Locali

Nella Delibera n. 25 del 22 novembre 2017 della Corte dei conti – Sezione Autonomie, la questione controversa in esame riguarda il corretto calcolo delle capacità assunzionali non spese nel triennio precedente (cosiddetti “resti assunzionali”). In particolare, viene chiesto se l’Ente possa utilizzare nel 2017 il 100% della capacità assunzionale relativa alle cessazioni intervenute nell’anno 2014 (“resto assunzionale” anno 2015, ai sensi dell’art. 3, commi 3 e 5-quater del Dl. n. 90/14, convertito in Legge n. 114/14), oppure se l’utilizzo del resto di tale capacità assunzionale debba essere conteggiato nella misura del 75% della spesa

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Spesa di personale: l’esercizio di funzioni in forma associata

Con la Delibera n. 8 del 20 gennaio 2016, la Corte dei conti Lombardia si è espressa in merito all’applicazione

Riclassificazione immobili adibiti a operazioni e servizi portuali: in G.U. il riparto del contributo compensativo del minor gettito Imu

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 13 del 18 gennaio 2021, il Decreto Mef 22 dicembre 2020, emanato di concerto

Impiego pubblico contrattualizzato: sospensione procedimento disciplinare

Nella Sentenza n. 12662 del 13 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità statuiscono che, in materia