Modalità di calcolo delle capacità assunzionali per gli Enti Locali

Modalità di calcolo delle capacità assunzionali per gli Enti Locali

Nella Delibera n. 25 del 22 novembre 2017 della Corte dei conti – Sezione Autonomie, la questione controversa in esame riguarda il corretto calcolo delle capacità assunzionali non spese nel triennio precedente (cosiddetti “resti assunzionali”). In particolare, viene chiesto se l’Ente possa utilizzare nel 2017 il 100% della capacità assunzionale relativa alle cessazioni intervenute nell’anno 2014 (“resto assunzionale” anno 2015, ai sensi dell’art. 3, commi 3 e 5-quater del Dl. n. 90/14, convertito in Legge n. 114/14), oppure se l’utilizzo del resto di tale capacità assunzionale debba essere conteggiato nella misura del 75% della spesa

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contratti d’appalto: “modalità elettronica” obbligatoria sia per la forma pubblica amministrativa che per la scrittura privata

Sono nulli in tutti i casi i contratti d’appalto non stipulati in “modalità elettronica”, indipendentemente dal fatto che si parli

Organo di revisione: il parere sugli atti di programmazione dell’assunzione di personale deve essere assunto antecedentemente alla relativa Deliberazione

Nella Delibera n. 461 del 16 dicembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, il quesito posto dall’Ente istante s’incentra sulla

“Decreto Agosto”: oggi al vaglio del Consiglio dei Ministri la nuova Manovra anti-crisi da 25 miliardi di Euro

Lavoro, Salute, Scuola, Regioni, Enti Locali, misure per il sostegno e il rilancio dell’Economia e misure fiscali. Queste le macro-aree