Assessore Autonomie locali Regione Sicilia, Grasso: ” Necessario rafforzare associazionismo comunale per razionalizzare la spesa”

Assessore Autonomie locali Regione Sicilia, Grasso: ” Necessario rafforzare associazionismo comunale per razionalizzare la spesa”

In occasione del suo intervento nella Tavola rotonda organizzata da Centro Studi Enti Locali sul tema “Next generation Eu e finanza locale”, Bernadette Grasso, Assessore alle Autonomie Locali e Funzione Pubblica della Regione Sicilia, ha raccontato di come la Regione abbia messo in campo un fondo perequativo da circa 300 milioni di Euro – aggiuntivo rispetto ai trasferimenti ordinari – per i Comuni e per gli Enti locali in generale. Uno sforzo considerevole della Regione in un periodo di crisi così accesa.

L’Assessore ha evidenziato la necessità e l’opportunità di rafforzare i modelli di associazione dei Comuni, per mettere insieme tutti quei servizi utili a razionalizzare la spesa degli Enti. Sono state proposte soluzioni di natura economica come, ad esempio, i piani per favorire la transizione ecologica e quella al digitale, ed ulteriori proposte tendenti al rafforzamento amministrativo: la rigenerazione e reingegnerizzazione amministrativa degli Enti locali siciliani su tutte.

“Cosa ci ha insegnato la Pandemia? Bisogna creare un asse – ha spiegato l’Assessore – fra le grandi città, e dunque le grandi aree urbane, e i piccoli centri”. Da qui l’idea di rivitalizzare e potenziare il ruolo dei Borghi. L’idea della Regione Sicilia è quella di perseguire questi obiettivi sia attraverso lo strumento del Recovery Fund che attraverso i fondi strutturali del nuovo ciclo di programmazione 2021-2027.

“I comuni sono i principali attori del territorio”, ha detto l’Assessore Grasso che ha insistito sull’importanza di riconoscere che gli Enti Locali, i Comuni e le aree urbane sono il centro propulsore dello sviluppo di ogni Regione italiana.


Related Articles

“Piani triennali di razionalizzazione”: i risparmi possono essere destinati alla contrattazione integrativa l’anno successivo alla realizzazione

Nella Delibera n. 8 del 26 gennaio 2016 della Corte dei conti Toscana, viene domandato se le economie conseguenti all’attuazione

Iva: esclusi i contributi comunitari e regionali, la cui percezione non esclude la detrazione dell’Iva sulle spese se inerenti servizi rilevanti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 16 del 30 gennaio 2020, ha ribadito alcuni concetti in

Revisori Enti Locali: emanato il Decreto con l’Elenco valido a partire dal 1° gennaio 2015

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, ha pubblicato oggi, 23 dicembre 2014, sul proprio sito

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.