Assunzioni a tempo determinato: “via libera” in caso di progetti in campo sociale approvati e finanziati con fondi regionali/statali

Assunzioni a tempo determinato: “via libera” in caso di progetti in campo sociale approvati e finanziati con fondi regionali/statali

 

Nella Delibera n. 56 del 21 settembre 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere riguardante la possibilità di escludere dai limiti di cui all’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10 le assunzioni a tempo determinato da utilizzare nell’ambito di progetti in campo sociale approvati e finanziati con fondi regionali/statali vincolati e specifici.

La Sezione rileva che il Legislatore ha inteso riconoscere una facoltà di assumere in deroga in casi che, per la loro estemporaneità (tempo determinato e servizi aggiuntivi) ed autonomia di provvista, non fossero suscettibili di incidere sull’ordinaria sostenibilità del sistema. E’ in ragione di questi argomenti fondati sull’autonomia di finanziamento derivante da specifica provvista e quindi sulla neutralità dell’operazione in termini di rispetto degli equilibri e di sostenibilità a regime, che la Sezione conclude che le assunzioni a tempo determinato per la realizzazione dei Pon(Pianidi zona) in campo sociale, finanziate con risorse specifiche di derivazione statale/regionale, possono essere disposte in deroga ai limiti in materia di assunzioni e di spesa del personale.


Related Articles

Diritti di rogito: per i Segretari comunali privi di qualifica dirigenziale il riferimento è sempre al Ccnl.

  Con la Delibera n. 235 del 20 luglio 2015, la Corte dei conti Lombardia risponde al quesito di un

Mobilità personale Province: “via libera” alle assunzioni in Lombardia e Toscana

Dopo Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Marche, Piemonte, Sardegna e Veneto, anche le Regioni Lombardia e Toscana, così come gli Enti

Tari: le riduzioni della tariffa deliberate per fronteggiare l’emergenza da “Covid-19” possono essere finanziate dal bilancio degli Enti

È stata pubblicata sul sito web dell’Ifel la Nota 24 aprile 2020, rubricata “La facoltà di disporre riduzioni del prelievo