Attività florovivaistica: la Tia è dovuta solo per i locali adibiti a vendita ed esposizione dei prodotti

Attività florovivaistica: la Tia è dovuta solo per i locali adibiti a vendita ed esposizione dei prodotti

Nell’Ordinanza n. 18498 del 26 luglio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sull’applicazione della Tia all’attività florovivaistica. La Suprema Corte chiarisce che sono assoggettate alla Tassa in questione le aree ed i locali adibiti alla vendita e all’esposizione dei prodotti provenienti dalla attività agricola (generi alimentari, fiori, piante, ecc.) in cui sia permesso l’accesso al pubblico, mentre sono esclusi dalla tassazione gli stabili adibiti unicamente ad uso agricolo, come fienili, ricovero di bestiame, deposito di attrezzature e materiali, nonché i locali e le aree destinate all’attività di allevamento e coltivazione, comprese le serre a terra.

Pertanto, devono essere escluse dal regime tariffario solamente le aree adibite a coltivazione o a deposito di attrezzature e materiali; invece, per quello che riguarda i locali in concreto adibiti a vendita ed esposizione dei prodotti provenienti dall’attività agricola, deve essere affermata l’inclusione nel regime tariffario.


Related Articles

Controversie fiscali pendenti: nel 2017 si sono ridotte del 10,75% rispetto al 2016

In continuità con la tendenza virtuosa avviata nel 2012, le controversie tributarie pendenti si sono ulteriormente ridotte lo scorso anno,

“E-fatture”: cosa prevede l’ordinamento in merito all’applicazione delle sanzioni per tardiva emissione nel periodo transitorio ?

Testo del quesito: “Nel caso in cui un Comune con volume d’affari sopra o sotto Euro 400.000 emetta tardivamente una

Gravi illeciti professionali: la valutazione è rimessa alla stazione appaltante

Nella Sentenza n. 2245 del 2 aprile 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che il concetto di “grave