Audizione Anci alla Camera: “il Senato delle Autonomie sia più orientato verso i Comuni”

Audizione Anci alla Camera: “il Senato delle Autonomie sia più orientato verso i Comuni”

Avremmo voluto che il Senato delle Autonomie fosse più orientato verso i Comuni che verso le Regioni, per questo chiediamo che i Sindaci delle Città metropolitane e dei Capoluoghi di Regione siano membri di diritto della nuova Assemblea”. Così il Sindaco di Pesaro Matteo Ricci ha commentato, nel corso dell’Audizione che l’Anci ha svolto in commissione Affari Costituzionali della Camera, il Ddl. costituzionale sul superamento del bicameralismo perfetto e la revisione del Titolo V della Carta Costituzionale.

Il Sindaco ha definito “condivisibile” l’iniziativa riformatrice avviata dal Governo e ha giudicato positivamente la riforma nel suo complesso perché “la fine del bicameralismo renderà le istituzioni rappresentative più consone ai tempi di decisione necessari per fare fronte alle emergenze legate alla crisi economica e sociale”, perché contribuirà a far “superare la ‘crisi di legittimazione’ del Parlamento da più parti denunciata” e perché compie un passo un avanti “verso il superamento di quelle ‘vite parallele e separate’ che animano il rapporto Parlamento-Governo e il rapporto Governo-Regioni- Province e Comuni”.

Quanto alla necessità di accorpare gli oltre 8.000 Comuni italiani (tema tornato al centro del dibattito a seguito delle dichiarazioni rilasciate dal Commissario straordinario per la revisione della spesa Carlo Cottarelli nel corso dell’Audizione del 16 ottobre 2014 presso la Commissione Anagrafe tributaria), Matteo Ricci ha dichiarato: “Di certo, bisogna porsi il tema della dimensione ottimale, rafforzando gli incentivi alla formazione delle Unioni di Comuni. Ma se le Regioni devono diventare degli enti di programmazione e gestione va aperta una discussione anche sulle Regioni ordinarie più piccole e su quelle a Statuto speciale”.


Tags assigned to this article:
anciaudizioneCameraenti localiriforma

Related Articles

Concorsi: illegittima la preselezione per titoli discriminatoria in base a elementi diversi dal merito dei candidati

Nella Sentenza n. 1727 dell’11 febbraio 2021 del Tar Lazio,i Giudici si esprimono sui sistemi di selezione dei concorsi pubblici.

“Split payment”: diffusi nuovi Elenchi valevoli per il 2018, in attesa del Decreto attuativo dell’art. 3 del Dl. n. 148/17

Con il Comunicato 19 dicembre 2017, il Dipartimento delle Finanze, “nelle more del perfezionamento dell’iter di pubblicazione del Decreto del

“Superbonus” del 110%: diffuse le regole per accedervi

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 8 agosto 2020 e con la relativa Circolare n. 24/E emanata lo stesso giorno,