Avanzo vincolato: consentita l’applicazione anche prima dell’approvazione del rendiconto

Avanzo vincolato: consentita l’applicazione anche prima dell’approvazione del rendiconto

Nella Delibera n. 64 del 25 maggio 2016 della Corte dei conti Piemonte, la questione controversa riguarda un Ente che ha escusso una polizza fideiussoria costituita da una Ditta privata a favore del Comune a garanzia dei lavori di ripristino ambientale, conseguenti a coltivazione di cava su un terreno di proprietà privata, per l’esecuzione dei quali il Comune deve sostituirsi al soggetto inadempiente. L’importo escusso e il conseguente utilizzo sono stati inseriti a partite di giro.

La Sezione rileva che la corretta procedura da seguire, nel caso in vi sia stata l’escussione di cauzione per l’esecuzione di lavori di ripristino in una cava, non ancora aggiudicati, deve essere individuata nell’inclusione del relativo importo nell’avanzo vincolato, con corrispondente eliminazione del residuo passivo. Il principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria consente l’applicazione, anche prima dell’approvazione del rendiconto, o in costanza di esercizio provvisorio, dell’avanzo vincolato.


Related Articles

Relazione degli Organi di controllo interno: si riconduce alla normale attività di revisione assegnata al Collegio dei Revisori dei conti

Nella Delibera n. 2 del 6 marzo 2018 della Corte dei conti, Sezioni riunite, la questione controversa in esame ha

Appalti: no al cosiddetto “accesso civico generalizzato”

Nella Sentenza n. 425 del 14 gennaio 2019 del Tar Lazio, i Giudici affermano che l’istituto del cosiddetto “accesso civico

Istituzione nuovo Comune: deve avvenire nel rispetto dell’invarianza della spesa per tutta l’area amministrativa coinvolta

Nella Delibera n. 87 del 12 maggio 2017 della Corte dei conti Piemonte, un Ente pone un parere riguardante l’istituzione