Avviso pubblico per progettazione di interventi di bonifica da amianto

Avviso pubblico per progettazione di interventi di bonifica da amianto

Nel numero 19 della Gazzetta Ufficiale del 24 gennaio 2017 è stato pubblicato il bando 2016 per la bonifica da amianto all’interno di edifici pubblici, che dà attuazione al Decreto 21 settembre 2016. Nel bando si evidenzia lo stanziamento di 5,536 milioni di euro per la progettazione preliminare e definitiva di interventi di rimozione e smaltimento di amianto e cemento-amianto in edifici pubblici. Lo smaltimento è finanziabile per un importo massimo di 15.000 euro, e deve prevedere il trattamento presso impianti autorizzati e il rispetto della normativa ambientale, edilizia e di sicurezza nei luoghi di lavoro. Le domande dovranno essere presentate con allegata una relazione tecnica asseverata di un professionista abilitato ove vengano indicati la destinazione d’uso dei beni o dei siti ove deve avvenire l’intervento, la localizzazione e la destinazione d’uso dei manufatti contenenti amianto, la tipologia, la quantità e lo stato di conservazione dei materiali, le modalità di intervento di bonifica proposto, la stima dei lavori da eseguire con dettaglio dei costi di progettazione soggetti a finanziamento, il cronoprogramma orientativo delle attività, incluse le fasi progettuali. Il bando considera che: – è possibile presentare una sola richiesta di finanziamento da parte del singolo ente; – l’intervento può svilupparsi anche su più edifici o unità locali, ma all’interno di un unico progetto di intervento, per un importo massimo di spesa di 15.000 euro; – non possono entrare a far parte del finanziamento le spese per il ripristino e la realizzazione di manufatti sostitutivi (progettazione di detti manufatti, acquisto e messa in opera di beni, mezzi e materiali sostitutivi). – non possono entrare a far parte del finanziamento le spese per la progettazione di interventi realizzati prima della pubblicazione del bando o prima del ricevimento della comunicazione scritta di concessione del contributo richiesto. Nel caso di aggiudicazione del finanziamento, l’ente riceverà il 30% della somma complessiva finanziata al momento dell’ammissione, il 40% della somma ammessa a finanziamento al momento dell’approvazione del progetto definitivo e il restante 30% al momento della rendicontazione finale delle spese sostenute per la progettazione preliminare e definitiva degli interventi, nelle modalità previste dal bando su base annuale.

A cura di Prospecta formazione 

http://prospectaformazione.it/docs/gazzettino-delle-profesioni-techiche/2017/febbraio/Gazzettino-2017-Febbraio.pdf


Related Articles

“E-fatture”: per il 2019 esonerati i Fisioterapisti per le operazioni i cui dati affluiscono al Sistema “Tessera sanitaria”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 78 del 19 marzo 2019, ha fornito chiarimenti in ordine

“Fondo per la progettazione e l’innovazione”: il parere della Corte Lombardia sulla disciplina applicativa

Nella Delibera n. 111 del 13 aprile 2016 della Corte dei conti Lombardia, il parere in esame riguarda l’interpretazione della

Beni e servizi: cade l’obbligo di pubblicazione integrale del testo dei contratti di importo superiore a 1 milione di Euro

E’ stato pubblicato in data 5 settembre 2019 il Comunicato del Presidente Anac 23 luglio 2019, riportante le indicazioni in