Baratto amministrativo: non è applicabile se il debitore del Comune è un’impresa

Baratto amministrativo: non è applicabile se il debitore del Comune è un’impresa

Nella Delibera n. 313 del 21 giugno 2016 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco chiede un parere in materia di contabilità pubblica, inerente l’applicabilità dell’art. 24 del Dl. n. 133/14, convertito con modificazioni dalla Legge n. 164/14. Nello specifico, il Dl. n. 133/14 disciplina il baratto amministrativo e le sue disposizioni devono essere coordinate con le nuove norme introdotte dagli artt. 189 e 190 del Dlgs. n. 50/16, che delineano una più ampia prospettiva di coinvolgimento dei cittadini. La Sezione infatti fornisce una serie di chiarimenti specifici sull’applicazione dell’istituto.

Con il primo quesito viene chiesto se, nel caso di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Anticorruzione: l’Anac rileva la diffusa inadempienza di Ipab e Asp agli obblighi ex Legge n. 190/12 e chiede l’immediata “inversione di rotta”

Con il Comunicato del Presidente 10 aprile 2015, l’Autorità nazionale Anticorruzione ha denunciato la scarsa osservanza delle regole in materia

Proventi sanzioni “Codice della Strada”: nessuna flessibilità sulle quote da destinare ai diversi scopi consentiti dalla legge

Nella Delibera n. 254 del 6 aprile 2016 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha formulato un quesito in

Decreto “Sicurezza Urbana”: pubblicata in Gazzetta la Legge di conversione n. 48/17

É stata pubblicata sulla G.U. n. 93 del 21 aprile 2017 la Legge di conversione n. 48 del 18 aprile