Canone Rai: diffuso il Modello per certificare il mancato possesso di una tv

Canone Rai: diffuso il Modello per certificare il mancato possesso di una tv

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il 24 marzo 2016 sul proprio sito istituzionale il Modello con cui i titolari di un contratto di fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale possono certificare di non possedere un apparecchio televisivo. La dichiarazione sostitutiva è stata diffusa alla luce della norma, introdotta dalla “Legge di stabilità 2016”, basata sulla presunzione di possesso dell’apparecchio televisivo nel caso in cui esista un’utenza elettrica nel luogo in cui il soggetto risiede anagraficamente. Tramite il nuovo Modello disponibile online, i cittadini che risultano titolari di un’utenza di fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale possono certificare che in nessuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di un’utenza elettrica è detenuto un apparecchio tv.

Il Modello può essere presentato anche per segnalare che il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata ad un altro componente della stessa famiglia anagrafica, del quale deve essere indicato il Codice fiscale. È il caso, ad esempio, di 2 soggetti che fanno parte della stessa famiglia anagrafica ma titolari di utenze elettriche separate. La dichiarazione sostitutiva inoltre può essere resa dall’erede in relazione all’utenza elettrica transitoriamente intestata a un soggetto deceduto.

Il Modello di dichiarazione sostitutiva è disponibile sui siti internet dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.it, del Ministero dell’Economia e delle Finanze, www.finanze.it, e della Rai, www.canone.rai.it.


Related Articles

Appalti pubblici: definizione di “servizi analoghi”

La Sentenza n. 5530 dell’11 novembre 2014 del Consiglio di Stato si esprime sui “servizi analoghi”, statuendo che per servizi

Impugnazione di un atto di riscossione coattiva

Nell’Ordinanza n. 11800 del 15 maggio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulla scadenza del

Tarsu: la pretesa fondata sul Regolamento comunale annullato dal Tar è illegittima  

Nella Sentenza n. 3276/01/14 della Ctp Lecce, i Giudici ritengono nulla la richiesta di pagamento Tarsu fondata su un Regolamento