Canone Rai: le modifiche previste nel “Ddl. stabilità”

Canone Rai: le modifiche previste nel “Ddl. stabilità”

A disciplinare il discusso tema della revisione del canone Rai per uso privato è l’art. 10, comma 1, del “Ddl. stabilità 2016”. La disposizione prevede che, per l’anno 2016, il costo del canone di cui al Regio Dl. n. 246/38, convertito dalla Legge n. 880/38, sia ridotto all’importo di Euro 100.

Il comma 2 modifica, con l’aggiunta di periodi, l’art. 1, comma 2, del suddetto Decreto, disponendo che, per desumere la detenzione o l’utilizzo di un apparecchio televisivo, è sufficiente l’esistenza di una utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui la persona ha la residenza anagrafica.

Inoltre, il canone di abbonamento è dovuto una sola volta a prescindere dal numero degli apparecchi utilizzati da una stessa famiglia anagrafica.

All’art. 3, dopo il comma 1 viene aggiunto un periodo secondo il quale per i titolari di utenza di cui all’art. 1, comma 2, il pagamento del canone avviene mediante addebito sulle relative fatture emesse dalle aziende dalle aziende di vendita di energia elettrica prevedendo una voce distinta non imponibile ai fini fiscali.


Related Articles

Tributi erariali: criteri di determinazione del gettito per la Regione Friuli-Venezia Giulia

È stato pubblicato sulla G.U. n. 106 del 9 maggio 2018 il Dlgs. n. 45/18, rubricato “Norme di attuazione dello

Centrali di committenza: avviato il Tavolo dei soggetti aggregatori per l’acquisto di beni e servizi

Ha fatto il suo esordio il 23 luglio 2015 a Roma, presso la sede del Dicastero delle Finanze in Via

“Beni significativi”: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate alla luce dell’interpretazione autentica fornita dalla “Legge di bilancio 2018”

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 15/E del 12 luglio 2018, ha fornito chiarimenti in ordine alla disciplina dei