“Carta d’identità elettronica”: validità della ricevuta come documento di riconoscimento

“Carta d’identità elettronica”: validità della ricevuta come documento di riconoscimento

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale dei Servizi Demografici, con la Circolare n. 9/2019 ha fornito nuovi chiarimenti relativi all’utilizzo della ricevuta di richiesta della “Carta d’identità elettronica” (Cie), come documento di riconoscimento.

Il Ministero, sollecitato dalle richieste di alcuni Comuni, estende espressamente la validità della ricevuta a “documento di riconoscimento” a tutti gli effetti (validità già precedente ammessa con le Circolari n. 2 e 5 del 2018 per identificare i votanti in occasione di consultazioni elettorali). Ciò in quanto, la ricevuta della Cie ha tutte le caratteristiche formali richieste dall’art. 35, comma 2, del Dpr. n. 445/2000, facilmente verificabili grazie al codice a barre bidimensionale “QR Code” impresso nella prima pagina della stessa.

Questa soluzione, secondo il Viminale, dovrebbe consentire di ridurre molti dei documenti d’identità che vengono ancora rilasciati in formato cartaceo nei casi di necessità urgente (motivi di salute, partecipazione a concorsi e gare pubblici) nei quali il cittadino non può attendere i tempi, spesso lunghissimi, oggi necessari per ottenere la Cie.

L’autenticità della ricevuta è verificabile attraverso il “QR Code”, seguendo le Istruzioni riportate nell’Allegato tecnico alla Circolare. Il suddetto codice a barre indica altresì qual è lo stato di produzione della Carta d’identità collegata alla ricevuta e se essa sia stata già consegnata al cittadino richiedente. Il che dovrebbe evitare la possibilità di utilizzare ricevute false o contraffatte anche parzialmente.


Related Articles

Appalti: i chiarimenti non integrano la lex specialis

Nella Sentenza n. 6026 del 2 settembre 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici hanno escluso che l’Amministrazione, a mezzo

Gestione vincolata: entrate e spese relative ai Servizi idrici e di raccolta e smaltimento rifiuti

Nella Delibera n. 157 del 18 aprile 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Comune chiede un parere in materia

Tarsu: cartella di pagamento e termine di decadenza

Nell’Ordinanza n. 18105 del 21 luglio 2017 della Corte di Cassazione una Società, su richiesta di un Comune, presentava il

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.