Catasto: contenuto minimo e motivazione riclassamento immobile

Catasto: contenuto minimo e motivazione riclassamento immobile

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 23247 del 31 ottobre 2014, ha statuito che non è legittimo il classamento catastale quando non indica gli elementi necessari per giustificare le ragioni della variazione.

I Giudici di legittimità hanno chiarito che l’atto con cui l’Agenzia del Territorio attribuisce d’ufficio un nuovo classamento ad un’unità immobiliare a destinazione ordinaria, deve chiaramente specificare a cosa sia dovuto il mutamento.

La motivazione dell’atto di revisione del classamento catastale non può limitarsi a contenere l’indicazione della consistenza, della categoria e della classe attribuita dall’Agenzia del Territorio (ora accorpata in quella delle Entrate), ma deve specificare, a pena di nullità, sia le ragioni giuridiche sia i presupposti di fatto sui quali si basa la modifica.

L’Amministrazione è quindi tenuta a precisare dettagliatamente se il mutamento è giustificato dal mancato aggiornamento catastale, dall’incongruenza del valore rispetto ai fabbricati similari, dall’esecuzione di lavori particolari nell’immobile, o, infine, da una risistemazione dei parametri della microzona di collocazione.

 


Tags assigned to this article:
catastoclassamentorevisione

Related Articles

Contenzioso tributario: notifica a mezzo posta

Nell’Ordinanza n. 15185 dell’11 giugno 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità statuiscono che, nel Processo tributario, non

“Clausola sociale”: non deve limitare la libertà di impresa

Nella Sentenza n. 2433 del 7 giugno 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici statuiscono che la procedura

Convenzione di segreteria tra Comuni: via libera all’attribuzione dei diritti di rogito al Segretario preposto  

Nella Delibera n. 275 del 29 ottobre 2014 della Corte dei conti Lombardia, pubblicata oggi sul sito istituzionale, un Sindaco