Cauzione provvisoria intestata alla sola mandataria: non comporta l’automatica esclusione dalla gara

Cauzione provvisoria intestata alla sola mandataria: non comporta l’automatica esclusione dalla gara

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 57 del 14 gennaio 2015, afferma che la produzione di una cauzione provvisoria conforme, quanto all’importo della garanzia, al disciplinare di gara ed all’art. 75 del Dlgs. n. 163/06, ma non riferibile soggettivamente anche all’Impresa mandante, non autorizza l’esclusione dalla gara, ma impone alla Stazione appaltante la sollecitazione dell’integrazione della garanzia. In particolare, la doverosità dell’applicazione della misura espulsiva deve essere negata, in ossequio al principio di tassatività delle cause di esclusione, a fronte della presentazione di una cauzione provvisoria formalmente conforme alla clausola del disciplinare ma carente sotto il profilo del rispetto della regola della riferibilità soggettiva anche all’impresa mandante del relativo impegno.

Consiglio di Stato, Sentenza n. 57 del 14 gennaio 2015


Related Articles

Spesa di personale: permane l’obbligo di riduzione di cui all’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/06

Nella Delibera n. 11 dell’11 gennaio 2017 della Corte dei conti Veneto un Ente Locale, premessa la riduzione dell’incidenza della

Agevolazioni: per il disconoscimento dell’abitazione principale ai fini Ici sono decisivi i bassi consumi elettrici

Nell’Ordinanza n. 14793 del 7 giugno 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda alcuni avvisi d’accertamento