Centrali di committenza: verso un nuovo rinvio per i Comuni non capoluogo

Centrali di committenza: verso un nuovo rinvio per i Comuni non capoluogo

Nel dibattito di queste settimane in ordine alla riforma della scuola ha fatto ingresso anche la tematica dell’obbligo di Centrale di committenza per i Comuni non capoluogo.

L’obbligo è stato previsto dall’art. 23-ter del Dl. n. 90/14, poi convertito in Legge n. 114/14, e ha previsto, innovando l’art. 33, comma 3-bis, del Dlgs. n. 163/06, che i Comuni non capoluogo di Provincia procedessero alle gare di lavori, servizi e forniture non più autonomamente (salvo taluni casi eccezionali: acquisto sul Mepa, acquisto mediante sistemi telematici, acquisti entro i 40.000 Euro per i Comuni maggiori di 10.000 abitanti) bensì

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Tags assigned to this article:
centrali uniche committenzaproroga

Related Articles

“Reverse charge”: i lavori di rifacimento dell’impianto di illuminazione votiva vi rientrano?

Il quesito: “Tenuto conto che l’illuminazione votiva è per l’Amministrazione un servizio rilevante Iva, dobbiamo richiedere all’Impresa appaltatrice la fattura

Contabilità economico-patrimoniale per i Comuni sotto i 5.000 abitanti: verso lo slittamento degli adempimenti?

Il quesito: “Vorremmo sapere se in un Comune sotto i 5.000 abitanti, anche alla luce del Documento prodotto da Anci

Iva: l’Agenzia delle Entrate conferma che i servizi di Tesoreria ordinari rientrano nel regime di esenzione, non la gestione titoli

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 154 del 28 maggio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine