Classamento catastale: attribuzione della rendita

Classamento catastale: attribuzione della rendita

Nell’Ordinanza 25992 del 16 novembre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte chiarisce che il provvedimento di attribuzione della rendita catastale di un immobile è un atto tributario che inerisce al bene che ne costituisce l’oggetto, secondo una prospettiva di tipo “reale”, riferita alle caratteristiche oggettive (costruttive e tipologiche in genere), che costituiscono il nucleo sostanziale della cd. “destinazione ordinaria”, sicché l’idoneità del bene a produrre ricchezza va ricondotta, prioritariamente, non al concreto uso che di esso venga fatto, ma alla sua destinazione funzionale e produttiva, che va accertata in riferimento alle potenzialità d’utilizzo purché non in contrasto con la disciplina urbanistica.

Peraltro, in tema di rendita catastale, nell’ipotesi in cui l’immobile per le proprie caratteristiche strutturali rientri in una categoria speciale, non assume rilevanza la corrispondenza rispetto all’attività in concreto svolta all’interno dello stesso che può costituire, ove ricorrente, mero elemento rafforzativo della valutazione oggettiva operata. Pertanto, non rileva, né il carattere pubblico o privato della proprietà dell’immobile, né eventuali funzioni latamente sociali svolte dal proprietario, mentre il fine di lucro merita di essere preso in considerazione, in quanto espressamente previsto come criterio di classificazione per numerose categorie, ma in termini oggettivati, nel senso che se ne richiede una verifica che ne ricerchi la sussistenza desumendola dalle caratteristiche strutturali dell’immobile, irreversibili se non attraverso modifiche significative, e non si arresti quindi al tipo di attività che in un determinato momento storico vi viene svolta, che può costituire un criterio complementare ma non alternativo o esclusivo ai fini del classamento.

Nel quadro generale delle categorie delle unità immobiliari, queste sono distinte in base al criterio della destinazione ordinaria (Gruppi “A” – “C”), della destinazione speciale (Gruppo “D”) e della destinazione particolare (Gruppo “E”). Ai sensi dell’art. 8 del Dpr. n. 1141/1949 la Categoria “D” raggruppa immobili aventi destinazione industriale e commerciale, non suscettibili di destinazione difforme se non a condizione di radicali trasformazioni, quindi con capacità reddituale assoggettabile a imposta, ma speciali rispetto a quelle precedenti previste alle Categorie di cui alle lettere anteriori.


Related Articles

Ici: efficacia della modifica della rendita catastale in autotutela

Nell’Ordinanza n. 4242 del 21 febbraio 2018 della Corte di Cassazione, un Comune ha impugnato una Sentenza relativa ad un

Agevolazione Ici “prima casa”: non è sufficiente che il contribuente vi dimori abitualmente se il coniuge non separato legalmente abita altrove

Nell’Ordinanza n. 12050 del 17 maggio 2018 della Corte di Cassazione, due coniugi separati di fatto impugnavano la Sentenza, relativa

Trasferimenti erariali: erogate le anticipazioni del contributo legato al minor gettito Imu/Tasi dei Comuni colpiti dal Sisma del Centro Italia

Con il Comunicato pubblicato l’11 giugno 2019 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.