“Codice della Strada”: il reato di guida in stato di ebbrezza può essere commesso anche in bicicletta

“Codice della Strada”: il reato di guida in stato di ebbrezza può essere commesso anche in bicicletta

Il reato di guida in stato di ebbrezza ([1]), previsto dall’art. 186 del “Codice della Strada”, può essere commesso attraverso la conduzione di una bicicletta. A tal fine, infatti, anche tale mezzo può interferire sulle generali condizioni di regolarità e sicurezza della circolazione stradale.

E’ questo il principio stabilito dalla Sezione Penale della Cassazione con la Sentenza del 28 aprile 2015. n. 17684.

Secondo i Giudici, anche se per la conduzione di una bicicletta non è previsto l’obbligo della patente di guida, è comunque possibile applicare le sanzioni previste per la guida in stato di ebbrezza.

L’art. 186, comma 1, citato, infatti – escluso quando affronta le sanzioni accessorie inerenti la patente di guida – si esprime in modo generico, parlando di “guida in stato di ebbrezza in conseguenza dell’uso di bevande alcoliche”, senza fare alcuna discriminazione tra conducenti a 2 o 4 ruote.

di Stefano Paoli

([1]) – Il reato di guida in stato di ebbrezza si configura quando il tasso alcolemico rilevato supera gli 0,8 g/l.


Related Articles

Finanza regionale: il punto della Sezione Autonomie sull’andamento di pagamenti e riscossione nell’ultimo quinquennio

Nella Delibera n. 37 del 20 dicembre 2016 della Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, vengono messi in evidenza

Ici: esenzione per le attività sportive solo se esercitate direttamente e non in via mediata

Nella Sentenza n. 894 del 25 agosto 2015 della Ctr Liguria, i Giudici rilevano che l’art. 7 comma 1, lett.

Iva: costituiscono parziali integrazioni del corrispettivo i “contributi” erogati dall’Ato al gestore dei rifiuti finalizzati ad abbattere le tariffe

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello 19 ottobre 2021, n. 734, ha fornito chiarimenti in merito alla