Compensazione minor gettito Imu-Tasi: fissato l’importo del contributo destinato al Comune di Genova per il crollo di “Ponte Morandi”

Compensazione minor gettito Imu-Tasi: fissato l’importo del contributo destinato al Comune di Genova per il crollo di “Ponte Morandi”

È in fase di perfezionamento il Decreto del Ministero dell’Interno e del Ministero dell’Economia e delle Finanze con il quale viene attribuito al Comune di Genova il contributo pari a 210.000 Euro, a titolo di compensazione per il minor gettito Imu e Tasi per il biennio 2019-2012 conseguente all’esenzione concessa agli immobili ed ai fabbricati sottoposti ad Ordinanza di sgombero, a seguito del crollo del c.d. “Ponte Morandi”, Viadotto Polcevera, lungo la A10.

Lo si apprende dal Comunicato n. 2 del 26 giugno 2019, pubblicato sul proprio sito istituzionale dal Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale.

Il Decreto è stato rubricato “Rimborso al Comune di Genova del minor gettito dell’Imu e della Tasi, riferito alle annualità 2019 e 2020, derivante dall’esenzione per i fabbricati oggetto di ordinanze sindacali di sgombero adottate a seguito dell’evento del crollo di un tratto del viadotto Polcevera dell’autostrada A10, noto come ‘Ponte Morandi’, avvenuto nella mattinata del 14 agosto 2018”.

I rimborsi saranno successivamente attribuiti al Comune di Genova, con distinta scadenza, ai sensi dell’art. 3, comma 1, del Dl. 28 settembre 2018, n. 109, convertito con modificazioni dalla Legge 16 novembre 2018, n. 130, recante “Disposizioni urgenti per la Città di Genova, la sicurezza della rete nazionale delle infrastrutture e dei trasporti, gli eventi sismici del 2016 e 2017, il lavoro e le altre emergenze”.


Related Articles

Acconto Iva 2017: nel caso di un Comune che applica lo “split payment” fin dal 2015 valgono le nuove disposizioni del Dm. 27 giugno 2017?

Il testo del quesito “In vista di una prossima variazione di bilancio, stiamo facendo un calcolo dello stanziamento necessario per

Finanza regionale: il punto della Sezione Autonomie sull’andamento di pagamenti e riscossione nell’ultimo quinquennio

Nella Delibera n. 37 del 20 dicembre 2016 della Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, vengono messi in evidenza

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.