Comunicazione decessi al Casellario via Pec: troppi i Comuni inadempienti, scatta la proroga

Comunicazione decessi al Casellario via Pec: troppi i Comuni inadempienti, scatta la proroga

Solo un Comune su 8 si è adeguato alle novità in materia di comunicazione telematica dei decessi al Casellario giudiziale di cui al Decreto Ministero della Giustizia 19 marzo 2014, pubblicato sulla G.U. n. 72 del 27 marzo 2014.

Il Dm. aveva reso nota la nuova procedura per l’invio, tramite Posta elettronica certificata, delle comunicazioni sui soggetti deceduti che i Comuni devono far pervenire al “Sistema informativo del Casellario” (“Sic”). Poiché soltanto 1.000 Comuni hanno chiesto e attivato la procedura, il Ministero della Giustizia ha emanato un nuovo Decreto (Dm. 11 dicembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 297 del 23 dicembre 2014) che proroga al 30 giugno 2015 il termine per l’attivazione da parte dei Comuni della trasmissione  telematica al Sistema Informativo del Casellario delle informazioni relative ai decessi, anziché il 31 dicembre 2014.

Ricordiamo che queste comunicazioni, finora cartacee, dovranno essere effettuate dagli Uffici comunali attraverso la trasmissione di un file, firmato digitalmente, ad un indirizzo Pec del Casellario centrale. Le indicazioni operative si trovano nell’Allegato tecnico al Decreto.


Tags assigned to this article:
CasellarioSic

Related Articles

Imu/Tasi: modalità di identificazione dell’abitazione principale per i pensionati Aire che possiedono più immobili in Italia

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Ministero delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, la Risoluzione 5 novembre 2015,

Revisori Regioni e Province autonome: deliberate le “Linee guida” della Corte per il Questionario al rendiconto della gestione 2019 e al preventivo 2020-2022

La Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, riunitasi in videoconferenza, ha approvato, con le Delibere nn. 3 e 4/2020,

Scorrimento della graduatoria: legittima l’esclusione del concorrente che segue se carente dei requisiti 

Nella Sentenza n. 318 del 5 giugno 2018 del Tar Calabria, i Giudici affermano che è legittimo il mancato affidamento,