Concessioni di lavori, di servizi pubblici o di forniture già in essere alla data di entrata in vigore del “Codice” non affidate con “finanza di progetto” o con procedure di gara ad evidenza pubblica

Concessioni di lavori, di servizi pubblici o di forniture già in essere alla data di entrata in vigore del “Codice” non affidate con “finanza di progetto” o con procedure di gara ad evidenza pubblica

Nella Sentenza n. 5097 del 19 agosto 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici pongono in evidenza la questione di legittimità costituzionale degli artt. 1, comma 1, lett. iii), della Legge n. 11/2016, e 177, comma 1, del Dlgs. n. 50/2016. I Giudici chiariscono che sono rilevanti e non manifestamente infondate, con riferimento agli artt. 41, comma 1, 3, comma 2, e 97, comma 2, della Costituzione, le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 1, lett. iii), della Legge n. 11/2016, e dell’art. 177, comma 1, del Dlgs. n. 50/2016, nella parte in cui stabiliscono l’obbligo, per i soggetti pubblici o privati titolari di concessioni di lavori, di servizi pubblici o di forniture già in essere all’entrata in vigore del “Codice dei Contratti pubblici” non affidate con la formula della “finanza di progetto” ovvero con procedure ad evidenza pubblica secondo il diritto dell’Unione Europea, di affidare una quota pari all’80% dei contratti di lavori, servizi e forniture relativi alle concessioni di importo pari o superiore a 150.000 Euro e relativi alle concessioni mediante procedura ad evidenza pubblica, introducendo “clausole sociali” e per la stabilità del personale e per la salvaguardia delle professionalità. Prevendo che la restante parte possa essere realizzata da Società “in house” di cui all’art. 5 del Dlgs. n. 50/2016 per i soggetti pubblici, ovvero da Società direttamente o indirettamente controllate o collegate per i soggetti privati, ovvero tramite operatori individuati mediante procedure ad evidenza pubblica, anche di tipo semplificato.


Related Articles

Servizi ad alta intensità di manodopera: criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa

Nella Sentenza n. 882 del 5 febbraio 2019 del Consiglio di Stato, viene rimessa all’Adunanza plenaria la questione se il

“Decreto Sblocca Italia”: analisi delle disposizioni introdotte dalla Legge n. 164/14 di conversione del Dl. n. 133/14

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 262 dell’11 novembre 2014 (S.O. n. 85) ed è entrata in vigore il giorno

Avcp: forniti i Modelli di segnalazione per le comunicazioni ai fini dell’inserimento di notizie nel Casellario informatico

Con un Comunicato pubblicato sulla G.U. n. 28 del 4 febbraio scorso, l’Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.