Concorsi delle Società partecipate: decide il Giudice ordinario

Concorsi delle Società partecipate: decide il Giudice ordinario

 

Nella Sentenza n. 2794 dell’8 giugno 2015, del Consiglio di Stato, la controversia trae origine da un ricorso proposto da un candidato per l’annullamento del provvedimento di esclusione dalla procedura selettiva di reclutamento indetta da una Società partecipata, in realtà già ritenuto inammissibile dal Tar per difetto di giurisdizione, rientrando la questione nella sfera cognitiva del Giudice ordinario. Nello specifico i Giudici, pur ribadendo che i concorsi per il reclutamento nelle Società partecipate sottostanno ai principi pubblicistici fissati dal Dl. n. 112/08, escludono che il sindacato sulla loro legittimità gli appartenga, non avendo il Decreto innovato ai tradizionali criteri di riparto della giurisdizione in materia. In particolare, essendo la Spa in questione una Società per azioni di diritto privato soggetta a regole privatistiche (non rilevando in contrario la circostanza di essere partecipata con capitali pubblici e di essere soggetta a varie forme di controllo ed indirizzi pubblici) non equiparabile ad una Pubblica Amministrazione, deve escludersi che rientri nell’ambito della giurisdizione del Giudice amministrativo la controversia concernente l’assunzione di personale da parte della Società stessa ai fini dell’instaurazione di rapporti di lavoro di diritto privato.

Sentenza n. 2794 dell’8 giugno 2015 – Consiglio di Stato


Related Articles

Comuni sciolti per infiltrazione mafiosa: determinate le anticipazioni di cassa per il pagamento di spese indifferibili

È stato pubblicato sulla G.U. n. 103 del 5 maggio 2017, il Dm. Interno 24 aprile 2017, recante “Anticipazione di

Conversione “Milleproroghe”: tra gli emendamenti proposti da Anci, la sanatoria per le aliquote Imu e Tasi deliberate in ritardo

“Fondo salario accessorio”, tempi determinati Enti di Area vasta, edilizia scolastica, tributi locali, sanzioni Patto: sono alcuni dei temi attorno

Ici/Imu: il trattamento impositivo dei Consorzi Asi

Nell’Ordinanza n. 4759 del 24 febbraio 2020 della Corte di Cassazione, l’art. 36, comma 4, della Legge n. 317/1992, stabilisce