Concorso: legittimità della revoca in autotutela prima della conclusione

Concorso: legittimità della revoca in autotutela prima della conclusione

Nella Sentenza n. 985 del 2 maggio 2019 del Tar Lombardia, un’Azienda socio-sanitaria decide la revoca di una procedura concorsuale (non ancora conclusa) in quanto la competente Procura della Repubblica ha disposto il sequestro degli atti relativi al concorso. I Giudici affermano che la revoca del bando di concorso rientra nei normali ed ampi poteri discrezionali della Pubblica Amministrazione che, fino a quando non sia intervenuta la nomina dei vincitori, può provvedere in tal senso senza necessità di assicurare particolari garanzie procedimentali ai candidati (non è necessario l’inoltro della comunicazione di avviso di avvio del procedimento), né di fornire approfondita motivazione che giustifichi la scelta. Ciò in quanto, sino a quando non interviene l’approvazione della graduatoria definitiva, i partecipanti alla selezione vantano una semplice aspettativa alla conclusione del procedimento, sicché debbono considerarsi comunque prevalenti, rispetto agli interessi dei candidati stessi, le ragioni di pubblico interesse che sconsigliano la prosecuzione dell’iter concorsuale rendendone evidente l’inopportunità.


Related Articles

“Piattaforma certificazione crediti”: disponibili nuove funzionalità

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha informato, con le Note 16 e 19 gennaio 2015, che sono state rese

Accertamento di entrate di natura tributaria a seguito di insinuazione e ammissione nel passivo fallimentare di una Società

Nella Delibera n. 271 del 23 ottobre 2014 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco sottopone una richiesta di parere

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.