Conflitto di interessi: ai fini dell’esclusione dalla gara serve una puntuale motivazione

Conflitto di interessi: ai fini dell’esclusione dalla gara serve una puntuale motivazione

Nella Delibera n. 223 del 16 marzo 2021m l’Anac chiarisce che alla fattispecie dell’ex dipendente pubblico che abbia adottato, in qualità di Dirigente a tempo determinato, atti amministrativi afferenti alla procedura di gara a cui, dopo la scadenza dell’incarico, intende partecipare in qualità di Libero professionista non sembra applicabile, ai fini dell’esclusione dalla gara, la disciplina del divieto di pantouflage di cui all’art. 53, comma 16-ter, del Dlgs. n. 165/2001, quanto piuttosto la disciplina del conflitto di interessi ai sensi del combinato disposto dell’art. 42 e dell’art. 80, comma 5, lett. d), del Dlgs. n. 50/2016. Di talché l’esclusione, trattandosi di una extrema ratio, potrà essere comminata solo a seguito della puntualmente motivata impossibilità di eliminare il potenziale conflitto di interessi mediante l’applicazione di apposite misure preventive conformemente a quanto indicato nelle Linee-guida Anac n. 15/2019.


Related Articles

Incentivi tecnici per appalti di manutenzione straordinaria e ordinaria: l’intervento della Sezione Autonomie

Nella Delibera n. 2 del 9 gennaio 2019 della Corte dei conti Autonomie, viene chiesto un parere sulla possibilità di

Attività di vigilanza dell’Autorità: le recenti precisazioni sui criteri eccessivamente selettivi non riguardano il Settore contratti pubblici

Con un Comunicato del Presidente datato 9 marzo 2015, l’Anac ha segnalato che le precisazioni fornite con il Comunicato 3

Mancata indicazione dei costi della manodopera e oneri di sicurezza: “soccorso istruttorio” o esclusione automatica?

Abstract Il tema della obbligatoria indicazione da parte dei concorrenti dei costi aziendali della sicurezza è certamente una delle maggiori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.