Consorzi stabili: elementi per l’individuazione

Consorzi stabili: elementi per l’individuazione

Nella Sentenza n. 2493 del 16 aprile 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che la natura di “Consorzio stabile” di un concorrente ad una gara pubblica deve essere accertata sulla scorta di una ricostruzione sostanzialistica dei suoi tratti identificativi, così come delineati dall’art. 45, comma 2, lett. c), del Dlgs. n. 50/2016, con la conseguenza che è irrilevante l’assenza nell’atto costitutivo di espresse indicazioni nominalistiche della sua natura così come di formali manifestazioni di volontà delle Imprese consorziate dirette alla costituzione di un Consorzio stabile. Quel che conta invero è la possibilità di “individuare l’avvenuta creazione di un complesso strutturale ed organizzativo compatibile con il modello giuridico-formale di riferimento”. Sulla base di tale presupposto e con riferimento al caso di specie i Giudici, analizzando il contenuto dell’atto costitutivo del concorrente, hanno confermato la sussistenza di un modello organizzativo del tutto coerente con lo schema normativo di riferimento, ricorrendo di quest’ultimo:

1) il requisito numerico (“formati da non meno di 3 Consorziati”);

2) temporale (“per un periodo di tempo non inferiore a 5 anni”), essendo stabilita dall’atto costitutivo la durata di 25 anni;

3) teleologico (“abbiano stabilito di operare in modo congiunto nel Settore dei Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture”);

4) strutturale (“istituendo a tal fine una comune struttura di impresa”).

Hanno anche ricordato i Giudici che “elemento essenziale per attribuire al Consorzio la qualifica di ‘Consorzio stabile’ è il c.d. ‘elemento teleologico’, ossia l’astratta idoneità del Consorzio, esplicitamente consacrata nello Statuto consortile, di operare con un’autonoma struttura di Impresa, capace di eseguire, anche in proprio, ovvero senza l’ausilio necessario delle strutture imprenditoriali delle consorziate, le prestazioni previste nel contratto”.


Related Articles

Versamenti dovuti in seguito a controlli automatizzati: estensione dei codici-tributo del Modello “F24” al Modello “F24 Enti pubblici”

Con la Risoluzione n. 42/E del 28 aprile 2015, l’Agenzia delle Entrate ha esteso, per finalità semplificative, l’utilizzo dei codici-tributo

“Fondo rischi”: il parere della Corte campana sull’operatività in presenza di sopraggiunte Sentenze di condanna esecutive

  Nella Delibera n. 238 del 27 settembre 2017 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha chiesto un parere

Appalti: rinviata al 1º novembre l’entrata in vigore dell’obbligo delle Centrali di committenza per i Comuni non capoluogo

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 15 luglio 2015 la “riforma della scuola” (Legge n. 107/15) che, fra le

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.