Consorzio stabile: la perdita di requisiti durante la gara da parte di una Consorziata esecutrice comporta l’esclusione dalla procedura

Consorzio stabile: la perdita di requisiti durante la gara da parte di una Consorziata esecutrice comporta l’esclusione dalla procedura

Nella Sentenza n. 2537 del 26 aprile 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla legittimità dell’esclusione dalla gara di un Consorzio stabile, dovuta al fatto che le Consorziate esecutrici del Consorzio stabile durante la procedura hanno perso i requisiti di ordine generale. I Giudici rilevano che, ai sensi degli artt. 35 e 36 del Dlgs. n. 163/06 e 277 del Dpr. n. 207/10 (ratione temporis vigenti), il Consorzio si qualifica in base al cumulo dei requisiti delle Consorziate e tale disciplina si giustifica in ragione del patto consortile che si instaura nell’ambito di un organizzazione stabile, caratterizzato da un rapporto durativo ed improntato a stretta collaborazione tra le Consorziate e dalla comune causa mutualistica, nell’ambito del quale la Consorziata che si limiti a conferire il proprio requisito all’Ente cui appartiene non partecipa all’esecuzione dell’appalto, al quale rimane estranea, tant’è che non sussiste alcuna responsabilità di sorta verso la stazione appaltante. Una situazione ben diversa è invece quella delle Consorziate che, al contrario, siano state indicate per l’esecuzione dell’appalto, per le quali è prevista l’assunzione della responsabilità in solido con il Consorzio stabile nei confronti della stazione appaltante (art. 94, comma 1, del citato Dpr. n. 207/10), e nei confronti delle quali la giurisprudenza ha quindi ritenuto applicabili gli obblighi dichiarativi dell’art. 38 del Dlgs. n. 163/06. Dunque, i Giudici concludono che l’esclusione dell’Ente consortile dalla gara è legittima.


Related Articles

Split payment: a seguito della richiesta dell’Italia, la Commissione Ue propone al Consiglio la proroga dal 30 giugno 2020 al 30 giugno 2023

La Commissione europea ha reso nota nei giorni scorsi la Proposta di decisione del Consiglio COM (2020) 242 final 2020/0119

Conferimento di un incarico di staff a personale in quiescenza: legittimo purché non riguardi l’esercizio di funzioni dirigenziali

Nella Delibera n. 27 del 23 marzo 2016 della Corte dei conti Liguria, la richiesta di parere riguarda la eventuale

Responsabilità amministrativa: condanna di Dirigenti provinciali per incarichi di consulenza procurati alla Società partecipata

Corte dei conti – Sezione Prima giurisdizionale centrale d’Appello- Sentenza n. 247 del 27 giugno 2016 Oggetto Condanna Dirigenti provinciali