Contenzioso tributario: notifica della copia del ricorso

Contenzioso tributario: notifica della copia del ricorso

Nell’Ordinanza n. 20216 del 25 settembre 2020 della Corte di Cassazione,la Suprema Corte afferma che la produzione dell’avviso di ricevimento del piego raccomandato contenente la copia del ricorso per cassazione spedita per la notificazione a mezzo del servizio postale, ai sensi dell’art. 149 del Cpc., o della raccomandata con la quale l’ufficiale giudiziario dà notizia al destinatario dell’avvenuto compimento delle formalità di cui all’art. 140 del Cpc., è richiesta dalla legge esclusivamente in funzione della prova dell’avvenuto perfezionamento del procedimento notificatorio e, quindi, dell’avvenuta instaurazione del contraddittorio. Ne consegue che l’avviso non allegato al ricorso e non depositato successivamente può essere prodotto fino all’udienza di discussione ex art. 379 del Cpc., ma prima che abbia inizio la relazione prevista dal comma 1 della citata disposizione, ovvero fino all’adunanza della Corte in camera di consiglio prevista dall’art. 380-bis del Cpc., anche se non notificato mediante elenco alle altre parti nel rispetto dell’art. 372, comma 2, del Cpc.. In caso, però, di mancata produzione dell’avviso di ricevimento ed in assenza di attività difensiva dell’intimato, il ricorso per cassazione è inammissibile, non essendo consentita la concessione di un termine per il deposito e non ricorrendo i presupposti per la rinnovazione della notificazione ex art. 291 del Cpc. Tuttavia, il difensore del ricorrente presente in udienza o all’adunanza della Corte in camera di consiglio può domandare di essere rimesso in termini per il deposito dell’avviso che affermi di non aver ricevuto, offrendo la prova documentale di essersi tempestivamente attivato nel richiedere all’amministrazione postale un duplicato dell’avviso stesso, secondo quanto stabilito dall’art. 6, comma 1, della Legge n. 890/1982.


Related Articles

Notifica: gli avvisi di accertamento se non impugnati nei termini di legge divengono titolo esecutivo

Nell’Ordinanza n. 12934 del 23 maggio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il Concessionario ha

Appalto pubblico: non vi può essere apportata una modifica sostanziale senza l’avvio di una nuova procedura di aggiudicazione

Nella Sentenza C-549/14 del 7 settembre 2016 della Corte di Giustizia europea, i Giudici si esprimono sull’interpretazione dell’art. 2 della

Ici: il concetto di “residenza” ai fini dell’agevolazione per l’abitazione principale

Nell’Ordinanza n. 14793 del 7 giugno 2018 la Corte di Cassazione ha risolto un contenzioso in tema di individuazione della

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.