Contestazione fattispecie elusive: l’accertamento deve essere emesso dopo 60 giorni

Contestazione fattispecie elusive: l’accertamento deve essere emesso dopo 60 giorni

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 406 del 14 gennaio 2015, ha statuito che anche nel caso in cui l’Ufficio finanziario intenda contestare fattispecie elusive, indipendentemente dalla riconducibilità o meno delle stesse alle ipotesi contemplate dall’art. 37-bis, comma 3, del Dpr. n. 600/73, è tenuto a richiedere preventivamente chiarimenti al contribuente ed a osservare il termine dilatorio di 60 giorni, prima di emettere l’atto accertativo che dovrà essere specificatamente motivato anche in ordine alle osservazioni, chiarimenti, giustificazioni, eventualmente fornite dal contribuente, risultando nullo l’atto impositivo emesso in difformità da detto modello procedimentale.

Nella Sentenza in questione si legge che il principio di garanzia del diritto al contraddittorio “deve trovare attuazione anche nella fase amministrativa”, tutte le volte in cui deve essere adottato “un atto autoritativo idoneo a produrre effetti pregiudizievoli nella sfera giuridica del destinatario”. In conclusione, i Giudici di legittimità rilevano che quando l’Ufficio finanziario contesta fattispecie elusive deve attendere 60 giorni per emettere l’accertamento. In caso contrario, l’atto deve considerarsi nullo.


Tags assigned to this article:
accertamentocassazione

Related Articles

Fabbisogno del Settore statale di agosto 2015: aumenta il saldo negativo, 7,8 miliardi di Euro

Con il Comunicato-stampa n. 206 del 15 ottobre 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato i dati di

Consorzi: “sì” alla stabilizzazione del personale ex art. 4 del Dl. n. 101/13 purché abbiano natura giuridica di diritto pubblico

Nella Delibera n. 95 del 6 aprile 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in

Ici: l’immobile senza un contratto registrato che dimostri l’esistenza della locazione da almeno 2 anni è soggetto ad aliquota maggiorata

Nella Sentenza della Corte di Cassazione n. 23926 dell’11 ottobre 2017, n. 23926, oggetto della controversia è un Regolamento comunale