Contratti di locazione: in un nuovo video sul canale YouTube delle Entrate, le istruzioni su come registrarli on line

Con il Comunicato-stampa 22 luglio 2014, pubblicato sul proprio sito istituzionale, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato il lancio di un nuovo video, sul proprio canale Youtube (“Entrate in video” – www.youtube.com/Entrateinvideo), attraverso il quale vengono fornite ai contribuenti le istruzioni per registrare tramite internet un contratto di locazione.
Il tutorial in questione (accessibile anche ai non udenti grazie all’utilizzo di sottotitoli) illustra le modalità di utilizzo del software “Rli”, che consente di registrare on line i contratti di locazione e affitto di beni immobili.
“Il software Rli – si legge nella Nota diffusa dall’Agenzia – permette di registrare locazioni a uso abitativo, non abitativo, commerciale e i contratti di affitto dei terreni. Per utilizzarlo basta autenticarsi sul sito delle Entrate inserendo le credenziali di accesso ai servizi web, compilare il modello, allegare la copia del contratto in formato Tif o Pdf e inviarlo. Anche il pagamento delle imposte di registro e di bollo avviene direttamente online, tramite addebito sul conto corrente. Il contratto di locazione dovrà comunque essere conservato, in originale, insieme alla ricevuta di avvenuta registrazione rilasciata dai servizi telematici e a quella di addebito in conto corrente nel caso siano dovute le imposte”.


Tags assigned to this article:
Agenzia entrateLocazioni

Related Articles

Iva sui servizi dei Centri di accoglienza ai migranti: l’Agenzia delle Entrate chiarisce quando è applicabile il regime di esenzione

Con la Risoluzione n. 74/E del 27 settembre 2018, in risposta ad una Istanza di Interpello posta dal Ministero competente,

Semplificazioni fiscali: approvato il Modello “F24 Crediti PP.AA.” e istituito il nuovo codice-tributo “PPAA”

E’ stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate il 31 gennaio 2014 il Provvedimento n. 13917/14, recante “Approvazione del Modello

“E-fatture”: cosa prevede l’ordinamento in merito all’applicazione delle sanzioni per tardiva emissione nel periodo transitorio ?

Testo del quesito: “Nel caso in cui un Comune con volume d’affari sopra o sotto Euro 400.000 emetta tardivamente una

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.