Contratto del Professionista con la Pubblica Amministrazione: necessaria la forma scritta

Contratto del Professionista con la Pubblica Amministrazione: necessaria la forma scritta

Nell’Ordinanza n. 11465 del 15 giugno 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno chiarito che il contratto d’opera professionale con la Pubblica Amministrazione, anche se quest’ultima agisca iure privatorum, deve rivestire la forma scritta ad substantiam. L’osservanza della forma scritta richiede la redazione di un atto recante la sottoscrizione del professionista e dell’organo dell’Ente legittimato ad esprimerne la volontà all’esterno, nonché l’indicazione dell’oggetto della prestazione e l’entità del compenso. Deve escludersi che, ai fini della validità del contratto, la sussistenza del predetto requisito possa ricavarsi da altri atti (quali, ad esempio, come nella specie, la delibera dell’Organo collegiale dell’Ente che abbia autorizzato il conferimento dell’incarico) ai quali sia eventualmente seguita la comunicazione per iscritto dell’accettazione da parte del medesimo professionista. Altresì, non è sufficiente che il professionista accetti, espressamente o tacitamente, la delibera a contrarre, poiché questa, anche se sottoscritta dall’organo rappresentativo medesimo, resta un atto interno, che l’Ente può revocare ad nutum. Il contratto mancante del succitato requisito è nullo e non è suscettibile di alcuna forma di sanatoria, sotto nessun profilo, poiché gli atti negoziali della P.A. constano di manifestazioni formali di volontà, non surrogabili con comportamenti concludenti.


Related Articles

Tributi locali: adottato dal Mef l’aggiornamento della stima delle capacità fiscali dei Comuni

E’ stato reso noto sul sito web del Dipartimento delle finanze il Decreto Mef 13 maggio 2016, in attesa di

Elezioni amministrative ed europee del 25 maggio 2014: emanata una Circolare della Finanza locale sulle spese elettorali

La Direzione centrale per la Finanza locale presso il Ministero dell’Interno, in considerazione del fatto che gli oneri derivanti dai

Imprese ferroviarie di diritto interno: l’azione di responsabilità nei confronti di Amministratore unico o Dirigente spetta al g.o.

Le imprese ferroviarie di diritto interno sono contrassegnate dall’indipendenza e dall’autonomia, dall’apertura al libero e mercato, pertanto l’azione di responsabilità

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.