Contratto d’opera professionale: legittima la clausola di copertura finanziaria

Contratto d’opera professionale: legittima la clausola di copertura finanziaria

Nella Sentenza n. 10326 del 19 maggio 2016, i Giudici della Corte di Cassazione rilevano che nel contratto d’opera professionale è legittimo l’inserimento della cosiddetta clausola di copertura finanziaria, in base alla quale l’Ente pubblico territoriale subordina il pagamento del compenso al professionista incaricato della progettazione di un’opera pubblica, alla concessione di un finanziamento. Nel senso che tale pattuizione non consente di derogare alle procedure di spesa di cui all’art. 23 del Dl. n. 66/89 e successive modificazioni, che non possono essere differite al momento dell’erogazione del finanziamento legato all’esecuzione dei lavori. Pertanto, in mancanza di quest’ultimo, il rapporto obbligatorio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ici: area destinata a servizi pubblici non necessariamente è inedificabile

Nella Sentenza n. 14765 del 15 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità osservano che in tema

Irpef: tassazione separata per la distribuzione del “Fondo risorse decentrate” in base al Contratto collettivo nazionale integrativo

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 177 del 10 giugno 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

Imposte indirette varie e Imposta di bollo: il regime da applicare ad un’operazione permutativa immobiliare tra Comune e Parrocchia

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 292 del 22 luglio 2019, ha fornito chiarimenti in ordine