Contratto di servizio pubblico: illegittimo l’avviso di pre-informazione relativo ad una gara che mette insieme lotti disomogenei

Contratto di servizio pubblico: illegittimo l’avviso di pre-informazione relativo ad una gara che mette insieme lotti disomogenei

E’ illegittimo l’avviso di pre-informazione relativo ad una gara per un contratto di servizio pubblico di “Trasporto” che configuri lotti disomogenei, comprensivi della gestione di servizi di “Trasporto” su ruote e ferroviario, limitatamente ad alcune linee ferroviarie marginali. Questo il principio espresso dal Tar Piemonte con la Sentenza n. 219 del 14 febbraio 2018.

L’abbinamento di prestazioni afferenti a segmenti di mercato strutturalmente eterogenei, senza oggettiva giustificazione economica o funzionale, consentirebbe infatti ad un ristretto numero di operatori ferroviari di traslare il loro peculiare potere di mercato anche al più aperto mercato del trasporto su gomma, con effetti di distorsione della concorrenza ammissibili solo in presenza di specifici e comprovati presupposti di efficientamento del servizio. Ed ancora, secondo i Giudici piemontesi, la gara è stata oggetto di attenzione da parte dell’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato la quale, con specifico riferimento al prospettato abbinamento del trasporto su gomma e su ferro, ha evidenziato che “una scelta di questo tipo rischia di discriminare soggetti che non dispongono dei titoli necessari per operare nel Settore ferroviario e che, tuttavia, sarebbero interessati a partecipare ad eventuali gare per l’affidamento dei servizi di ‘Trasporto pubblico’ su gomma, laddove questi fossero messi a gara separatamente da quelli su ferro”.


Related Articles

Appalto di durata triennale: assunzione di un impegno di spesa durante la gestione provvisoria

Nella Delibera n. 191 del 19 luglio 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Durc e autocertificazione: non si applica l’invito alla regolarizzazione e la verifica va effettuata alla data della dichiarazione

Tar Sicilia, Palermo, Sezione III, Sentenza n. 660 del 12 marzo 2015 La procedura di regolarizzazione contributiva prevista dall’art. 7,

Piani razionalizzazione spesa: i risparmi possono essere destinati a Contrattazione integrativa solo se usati per incrementare produttività

Nella Delibera n. 2 del della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede un parere sulla possibilità di integrare le