Corte dei conti Toscana: modalità di calcolo del rapporto di incidenza tra spesa di personale e spesa corrente

Corte dei conti Toscana: modalità di calcolo del rapporto di incidenza tra spesa di personale e spesa corrente

Nella Delibera n. 101 del 15 settembre 2016 della Corte dei conti Toscana, il parere in esame riguarda le modalità di calcolo del rapporto di incidenza tra spesa di personale e spesa corrente, previsto dall’art. 1, comma 557, lett. a) della Legge n. 296/06. In particolare, l’Ente istante, alla luce dei principi di diritto affermati dalla Delibera n. 16/16 della Sezione delle Autonomie, in materia di vigenza e cogenza delle disposizioni dettate dall’art.1 comma 557 e seguenti della Legge n. 296/06, richiede se rientrino nella riduzione del rapporto percentuale spesa personale/spesa corrente, previsto dalla lett. a) del medesimo comma 557, diverse tipologie di spesa di personale. La Sezione chiarisce che il richiamato comma 557, lett. a) è stato abrogato dall’art. 16, comma 1, del Dl. n. 113/16, convertito in Legge n. 160/16, recante “misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio”, conseguentemente risulta venuto meno l’oggetto del quesito interpretativo e delle questioni connesse. Però, ricorda la Sezione, che restano confermate tutte le disposizioni in materia di riduzione e contenimento delle spese di personale, per le assunzioni a tempo indeterminato e determinato e per l’incremento delle risorse aggiuntive alla contrattazione decentrata.


Related Articles

“Federalismo fiscale”: adottata la stima della capacità fiscale 2022 dei Comuni

È stato pubblicato sulla G.U. n. 28 del 3 febbraio 2022 il Decreto Mef 16 dicembre 2021, avente ad oggetto

Appalti: con una Delibera Anac chiarisce che l’anticipazione del prezzo è obbligatoria e non può essere rateizzata

Anac, con la Delibera n. 325 del 13 luglio 2022 pubblicata sul proprio sito istituzionale il 19 luglio 2022, ha

Banda larga: Mise, “via libera” al Catasto nazionale delle infrastrutture

Nasce il “Catasto nazionale delle infrastrutture”, grazie al quale saranno abbattuti di almeno un terzo i costi di posa della