Costituzione deposito presso Mef per indennità di esproprio: chi è il sostituto d’imposta al momento del versamento al beneficiario?

Costituzione deposito presso Mef per indennità di esproprio: chi è il sostituto d’imposta al momento del versamento al beneficiario?

Il testo del quesito:

Dobbiamo costituire un deposito presso il Mef per indennità di esproprio e occupazione di urgenza provvisoriamente determinate su aree per le quali è prevista l’applicazione della ritenuta di acconto del 20%. Successivamente dietro ns. nulla-osta queste somme dovranno essere versate dal Mef al beneficiario.

Chi è il sostituto di imposta ?

Il deposito lo costituiamo per la somma lorda ?

Se il Mef opererà la ritenuta al momento del versamento della somma chi mette quest’ultima nel ‘770’ ?

 

La risposta dei ns. esperti.

Per rispondere al quesito posto è utile richiamare un Parere della Sezione III del Consiglio di Stato n. 59 del 16 febbraio 1993, e la successiva Nota del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 5/865 del 14 dicembre 1994, in cui si sostiene che sostituto d’imposta non è il Comune bensì il depositario della somma, che dovrà, sia accertare la qualifica di soggetto Irpef del beneficiario della somma, sia procedere – conseguentemente a tale verifica – al versamento della ritenuta del 20% all’Erario.

In questo caso, si raccomanda pertanto di versare al Ministero depositario la somma lorda e non assolvere alcun adempimento fiscale come sostituto d’imposta.

La “CU” fa espressamente riferimento a somme corrisposte a titolo di indennità di esproprio. Si ritiene pertanto che il Comune non la debba compilare.

 

di Francesco Vegni


Related Articles

Questionario della Corte dei conti sullo stato di attuazione del “Piano triennale per l’informatica nella P.A.”

Premessa La Corte dei conti ha avviato un’Indagine volta a verificare lo stato di attuazione dell’Agenda Digitale da parte degli

Contabilità: aggiornamento del “Piano dei conti integrato” per l’esercizio 2019

Con il Decreto 25 gennaio 2019, emanato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e pubblicato sulla G.U. n. 42 del

Revisori Enti Locali: deliberate dalla Corte dei conti le “Linee guida” per la relazione al bilancio di previsione 2019-2021

Con il Comunicato stampa 29 luglio 2019, la Corte dei conti ha reso noto che con la Delibera n. 19/2019