“Cud 2014”: disponibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate il Modello e le Istruzioni definitive

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito internet il Provvedimento direttoriale 15 gennaio 2014, n. 5131, di approvazione del nuovo Modello “Cud 2014”, con le relative Istruzioni ministeriali, di certificazione dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, corrisposti nell’anno 2013, che il datore di lavoro – Ente pubblico o privato che eroga trattamenti pensionistici – deve rilasciare in doppia copia a ciascun contribuente entro il prossimo 28 febbraio 2014, ovvero entro 12 giorni dalla richiesta dello stesso contribuente in caso di cessazione del rapporto di lavoro.

Dal punto di vista formale, anche quest’anno le Istruzioni sono state suddivise, per maggior trasparenza e praticità, in 2 Moduli: le “Informazioni per il contribuente” (Allegato 1) e le “Istruzioni per il datore di lavoro, Ente pensionistico o altro sostituto d’imposta” per la “compilazione dati fiscali” (Allegato 2), separate in “Dati generali” (Parte A del Modello) e “Dati fiscali” (Parte B del Modello), mentre nell’Allegato 3 sono riportate le Istruzioni per la ”compilazione dati previdenziali e assistenziali” (Parte C del Modello).

Ricordiamo poi che il Modello è suddiviso in 3 parti:

–          Parte A, contenente i dati generali;

–          Parte B, contenente i dati fiscali;

–          Parte C, indicante i dati previdenziali ed assistenziali Inps (comprensiva della “Gestione ex Inpdap” in quanto la Legge n. 214/11, di conversione del Dl. n. 201/11, ha disposto la soppressione dell’Inpdap e trasferito le funzioni all’Inps).

Il Modello e le Istruzioni definitive sono rese disponibili sull’homepage del sito internet dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.it e sul sito www.entilocaliweb.it.

Dettagli sulle novità contenute negli specifici campi del Modello verranno fornite in uno dei prossimi numeri della Rivista.


Tags assigned to this article:
Cud

Related Articles

“Piattaforma certificazione crediti”: chiarimenti sulla comunicazione dei debiti non estinti nel 2015

Con il Comunicato 1° febbraio 2016, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha precisato che l’obbligo di comunicare i debiti

“Ddl. Stabilità 2018”: le principali misure per la P.A.

Il Consiglio dei Ministri, con il Comunicato-stampa n. 51 del 16 ottobre 2017, ha dato notizia dell’approvazione del Disegno di

Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri: diffuse le modifiche alle disposizioni attuative

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 18 aprile 2020, ha rivisto le disposizioni normative introdotte dal Provvedimento n. 182017/2016, in

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.