“Cyber sicurezza”: pubblicato il Decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri

“Cyber sicurezza”: pubblicato il Decreto-legge approvato dal Consiglio dei Ministri

E’ stato pubblicato in G.U. n. 222 del 21 settembre 2019 il Dl. 21 settembre 2019 n. 105, approvato dal Consiglio dei Ministri e in vigore dal giorno successivo, 22 settembre 2019, che introduce alcune disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica, volte a prevedere, tra l’altro, il potenziamento della sicurezza delle reti internet, dei Sistemi informativi e informatici in uso presso le PP.AA., nonché quelle di Enti operatori nazionali pubblici e privati tra cui anche la Borsa Italiana in vista del prossimo lancio della rete 5G. L’integrale applicazione delle misure ivi contenute, tuttavia, resta in attesa della disciplina attuativa che individuerà procedure, modalità e termini per la gestione operativa e le attività di messa in sicurezza delle reti dati e di ogni aspetto relativo alla gestione della sicurezza cibernetica nazionale.

L’obiettivo è quello di istituire un perimetro di sicurezza che assicuri “misure idonee a garantire i necessari standard di sicurezza rivolti a minimizzare i rischi consentendo, al contempo, la più estesa fruizione dei più avanzati strumenti”.

Il Decreto rafforza i poteri in capo all’Esecutivo relativamente al controllo sugli investimenti esteri e sulla tutela di strutture informatiche e tecnologiche di interesse nazionale, il c.d. “Golden power”. Inoltre, è stato previsto anche il potere del Presidente del Consiglio, di concerto con il “Comitato interministeriale per la sicurezza” di disattivare i dispositivi o gli apparati impiegati nelle reti in caso di cyber attacchi, oltre che l’invio di commissari per ispezioni presso le aziende produttrici da parte anche del Ministro per lo Sviluppo economico.


Related Articles

Iva e riforma del “Terzo Settore”: alcuni chiarimenti sul regime fiscale da applicare alle attività socio-formative da parte di una Impresa sociale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 388 del 3 giugno 2021, ha fornito chiarimenti in ordine

Imposta di soggiorno: ridefiniti i codici-tributo per il versamento mediante Modello “F24”

Con Risoluzione n. 64/E dell’Agenzia delle Entrate del 30 maggio 2017, vengono ridenominati i codici-tributo istituiti per il versamento dell’Imposta

La Sentenza n. 18 del 14 febbraio 2019 della Corte Costituzionale e il “Decreto Crescita”

Dopo la Sentenza della Corte Costituzionale 14 febbraio 2019, n. 18, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 714,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.