“Ddl. stabilità”: verso l’introduzione dell’Iva al 5% sulle prestazioni socio-sanitarie, assistenziali ed educative rese dalle Cooperative sociali

“Ddl. stabilità”: verso l’introduzione dell’Iva al 5% sulle prestazioni socio-sanitarie, assistenziali ed educative rese dalle Cooperative sociali

Dal 1° gennaio 2016, le prestazioni socio-sanitarie, assistenziali ed educative rese dalle Cooperative sociali e dai loro Consorzi, in appalto o convenzione, a favore di determinate categorie deboli (es. anziani, disabili, minori, ecc), non saranno più esenti Iva bensì soggette ad una nuova aliquota: il 5%.

La disposizione è stata inserita nel testo del Disegno di legge per la “Manovra finanziaria 2016”, licenziato dal Senato lo scorso 20 novembre 2015. Il testo è ora passato alla Camera in seconda lettura.

Salvo nuovi emendamenti, ai sensi dell’art. 1, comma 546, le Cooperative non potranno più optare per il regime di esenzione Iva per le prestazioni rese “in esecuzione di contratti di appalto e di convenzioni”.

Si evidenzia che il comma 547 specifica che la previsione in questione si applicherà sui “contratti stipulati, rinnovati o prorogati successivamente alla data di entrata in vigore della presente legge”. Pertanto, per gli Enti Locali – laddove la norma dovesse giungere all’approvazione nell’attuale formulazione – sarebbe opportuno provvedere a stipulare eventuali nuovi contratti e rinnovi entro il 31 dicembre 2015.


Related Articles

Adeguamento al nuovo Regolamento europeo sul trattamento dei dati: l’obbligo decorre dal 25 maggio 2018

Il Regolamento Due n. 679/2016, entrato in vigore il 24 maggio 2016, sarà applicabile in tutti i Paesi comunitari dal

Istat: pubblicata la Circolare sul Censimento permanente della popolazione 2019

L’Istat ha pubblicato sul proprio sito istituzionale la Circolare n. 3 del 29 maggio 2019, recante “Censimento permanente della popolazione

“Pnrr” “#Next Generation Italia” esitato dal CdM: i contenuti di maggiore interesse per gli Enti Locali

Premessa metodologica Questo Approfondimento tratterà il “Pnrr” come approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 12 gennaio 2020. Documento che,