Decreto “Cura Italia”: possibile sanatoria senza sanzioni in caso di omesso versamento delle Addizionali comunali e regionali

Decreto “Cura Italia”: possibile sanatoria senza sanzioni in caso di omesso versamento delle Addizionali comunali e regionali

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 40 del 1° giugno 2021, ha fornito precisazioni in ordine alla sospensione del versamento delle ritenute previsto dall’art. 61, comma 1, del Dl. n. 18/2020, convertito in Legge n. 27/2020, a seguito dell’emergenza “Covid-19”. In particolare, è stato chiesto se la sospensione, disposta dalla citata norma, dei termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte, di cui agli artt. 23 e 24 del Dpr. n. 600/1973, si riferisca anche al versamento delle trattenute relative all’Addizionali regionale e comunale, come disposto dal successivo art. 62. 

Il dubbio sorge perché l’art. 61 ha disciplinato la sospensione dei versamenti delle ritenute e dei contributi e dei premi, già disposta dall’art. 8 del precedente Dl. n. 9/2020, definendo con maggior precisione il perimetro dei versamenti sospesi e, nello specifico: 

  • ha soppresso il riferimento all’art. 29 del Dpr. n. 600/1973 (contenuto nel richiamato art. 8), stabilendo che sono sospesi i termini dei versamenti limitatamente alle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, nonché degli adempimenti e dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria, ed escludendo quindi le ritenute sui compensi e altri redditi corrisposti dallo Stato; 
  • ha previsto la sospensione anche dei termini di versamento dell’Iva; 
  • ha esteso la sospensione prevista per il Settore turistico-alberghiero a soggetti operanti in altri Settori individuati dal successivo comma 2. 

L’art. 62, comma 2, diversamente dall’art. 61, comma 1, nel definire il perimetro dei versamenti sospesi per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato, in possesso di particolari requisiti, richiama espressamente le “trattenute relative all’Addizionale regionale e comunale”.

Nel trasfondere il contenuto dell’art. 8 del Dl. n. 9/2020 nell’art. 61 citato, il Legislatore ha quindi modificato il perimetro dei versamenti sospesi senza tuttavia estendere la sospensione alle trattenute, espressamente menzionate nel successivo art. 62. La lettera della norma non consente dunque di ricomprendere le trattenute relative alle Addizionali regionali e comunali tra i versamenti sospesi di cui all’art. 61. Né alcun spunto in tal senso si rinviene nella Relazione tecnica e nella Relazione illustrativa al Decreto-legge in argomento che, nel descrivere il contenuto dell’art. 61, non fanno mai riferimento alle trattenute relative alle Addizionali, che invece sono contemplate nel commento all’art. 62. 

Ciò posto – precisa l’Agenzia – “è altrettanto vero che il rappresentato disallineamento tra la formulazione degli artt. 61 e 62 del Dl. n. 18/2020, unito al rapido susseguirsi degli interventi normativi in tema di sospensione dei versamenti tributari, in favore di Imprese e Professionisti che operano nei Settori più colpiti dall’emergenza ‘Covid-19’, insieme alla risonanza mediatica data alle ‘sospensioni dei versamenti’ in senso atecnico e generico, potrebbe aver generato il legittimo fraintendimento in capo ad alcuni sostituti d’imposta che hanno sospeso anche il versamento delle Addizionali regionali e comunali valutando che l’intendimento delle misure fiscali fosse indirizzato verso una generica e generale sospensione dei versamenti effettuati in qualità di sostituto d’imposta”. 

In tale evenienza – prosegue l’Agenzia – “in applicazione di quanto disposto dall’art. 10, della Legge n. 212/2000, non saranno dovuti sanzioni ed interessi laddove i contribuenti, prendendo atto – solo a seguito della pubblicazione dei chiarimenti ivi contenuti – di avere assunto un comportamento non coerente con le norme, provvedano tempestivamente al versamento di quanto dovuto a titolo di Addizionali regionali e comunali”.


Related Articles

“Art-bonus”: un caso di non applicabilità ad un Progetto di restauro di una Chiesa in quanto non considerato “bene culturale pubblico”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 451 del 7 ottobre 2020, ha fornito istruzioni circa la

Imu terreni agricoli: decade il Dl. n. 185/14 ma le disposizioni erano già entrate in vigore con la Manovra finanziaria 2015

Con un Comunicato pubblicato sulla G.U. del 16 febbraio 2015, il Ministero della Giustizia ha reso nota la mancata conversione

Retribuzione di posizione dei Dirigenti: la relativa pesatura è una scelta dell’Amministrazione

Nella Sentenza n. 61 del 20 gennaio 2015 del Tribunale Ordinario di Firenze, Sezione Lavoro, i Giudici fiorentini enunciano principi

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.