“Decreto Sblocca Italia”: assegnati spazi di patto per 200 milioni di Euro a 128 Comuni

“Decreto Sblocca Italia”: assegnati spazi di patto per 200 milioni di Euro a 128 Comuni

Il Dpcm. emanato in attuazione del Dl. n. 133/14 (c.d. “Sblocca Italia”) ha assegnato a 128 Comuni spazi di Patto di stabilità per quasi 200 milioni di Euro. Ad anticiparlo – attraverso il proprio Comunicato 31 ottobre – è il Governo. “Il Dipartimento per il coordinamento amministrativo – si legge nella Nota – ha proceduto a individuare i Comuni beneficiari dell’esclusione e l’importo dei pagamenti da escludere, secondo tre criteri: le opere alle quali si riferiscono i pagamenti dovevano essere state preventivamente previste nel Piano Triennale delle opere pubbliche (o dovevano essere d’importo inferiore a 100.000 euro e quindi esenti dall’obbligo d’inserimento nel Piano); i pagamenti dovevano riguardare opere realizzate, in corso di realizzazione o per le quali fosse possibile l’immediato avvio dei lavori da parte dell’ente locale richiedente; i pagamenti per i quali viene richiesta l’esclusione del Patto di stabilità devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2014”. Sono 64 le domande che sono state dichiarate inammissibili, tutte le altre sono state invece accolte per intero. Le opere che saranno realizzate grazie alla norma in oggetto sono prevalentemente situate nel Nord-Italia (in particolare in Lombardia e in Piemonte) e hanno per oggetto, nella maggior parte dei casi, la realizzazione o la manutenzione di strade.


Tags assigned to this article:
Opere pubblichepattosblocca italia

Related Articles

Affidamento di incarichi di patrocinio legale da parte delle Amministrazioni: le novità del Dlgs. 50/16

Una delle novità più evidenti del nuovo ordinamento dei contratti pubblici (introdotto con il Dlgs. n. 50/16) è sicuramente rappresentato

Anticipo Tfr/Tfs: avviata dal 18 novembre 2020 la possibilità di presentare domanda

Come comunicato dall’Inps, dal 18 novembre 2020 è possibile per gli ex dipendenti pubblici presentare domanda per l’anticipo del Tfs/Tfr

Anagrafe tributaria: la Direttrice dell’Agenzia delle Entrate Orlandi chiede l’uniformazione delle banche-dati della P.A.

Il numero e la tipologia di informazioni che oggi giungono da diverse fonti all’Anagrafe tributaria sono, in linea di massima,