Definizione di “prima casa” per l’applicazione dell’agevolazione fiscale

Definizione di “prima casa” per l’applicazione dell’agevolazione fiscale

Nell’Ordinanza n. 13118 del 16 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in materia di agevolazioni per l’acquisto della cosiddetta “prima casa”, la disciplina prevista dall’art. 1 del Dl. n. 16/1993, sussiste quando l’acquirente possieda un alloggio che non sia concretamente idoneo, per dimensioni e caratteristiche complessive, a sopperire ai bisogni abitativi suoi e della famiglia. In particolare, in tema di agevolazioni “prima casa”, l’idoneità della casa di abitazione pre-posseduta purché acquistata senza agevolazioni nel medesimo Comune va valutata, sia in senso oggettivo (effettiva inabitabilità), che in senso soggettivo (fabbricato inadeguato per dimensioni o caratteristiche qualitative), nel senso che ricorre l’applicazione del beneficio anche all’ipotesi di disponibilità di un alloggio che non sia concretamente idoneo, per dimensioni e caratteristiche complessive, a soddisfare le esigenze abitative dell’interessato.


Related Articles

Sale il Debito pubblico europeo: durante la pandemia raggiunta la quota record del 100,5% sul Pil

Eurostat, con la Nota 22 luglio 2021, ha comunicato che, mentre erano ancora in atto le misure finalizzate a mitigare

Notificazione cartella di pagamento: in caso di regolarità dichiarativa, è legittima anche in assenza di informazione preventiva

Nell’Ordinanza n. 375 del 9 gennaio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che la notifica della

Sostituto d’imposta: esclusi da ritenuta i contributi erogati a prestatori di lavoro autonomo occasionale per fronteggiare l’emergenza “Covid-19”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 273 del 20 aprile 2021, ha dato chiarimenti in ordine al trattamento fiscale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.