Descalzi (Eni): “Su decarbonizzazione serve pragmatismo e velocità”

Descalzi (Eni): “Su decarbonizzazione serve pragmatismo e velocità”

In campo energetico è fondamentale “l’innovazione” ma nell’applicarla bisogna “essere pragmatici e veloci, perché è inutile innovare e investire in nuove tecnologie, quando c’è un sistema ancora medievale che non ti permette di applicare gli sforzi fatti per decarbonizzare”. E’ l’invito formulato dall’ad di Eni, Claudio Descalzi, intervenuto al forum “La bella energia dell’Italia” organizzato dall’Adnkronos nel Palazzo dell’Informazione a un mese dall’apertura di Expo Dubai. 

Il trend del prezzo del petrolio “non può che essere altro che in salita visto che non sono stati fatti investimenti e la domanda ormai sta raggiungendo i 95-98 milioni di barili al giorno”.  

“Quello che posiamo dire – sottolinea Descalzi – è che dal punto di vista del fisico per quello che conta la domanda è superiore all’offerta e le scorte stanno scendendo al di sotto degli ultimi 5 anni. Quindi abbiamo una domanda che sta comunque crescendo nonostante allarmismi e un’offerta che, visto che sono due anni che non si investe, sta scendendo. Questo vuol dire che questo nodo arriverà al pettine e che quindi i prezzi dovranno stabilizzarsi sui prezzi più alti. Penso che saranno tra i 70 e i 75 dollari ma però sono veramente un terno al lotto”. Penso, aggiunge l’ad di Eni, “che sarà una cosa che si verificherà nel 2022 quando la cortina fumogena del Covid sarà scesa”. 


Related Articles

Lush lancia Bring It Back, nuovo sistema di reso delle confezioni

Lush, brand etico di cosmetici freschi e fatti a mano, lancia giovedì 21 ottobre in tutti i punti vendita, il

Osservatorio H2IT, crescita idrogeno in pochi anni con ricavi e occupazione

Idrogeno, le aziende credono in una crescita esponenziale del settore in pochi anni con tanto di ricavi e occupazione, ma

Cambiamento climatico, per 88% italiani contrasto sfida principale del secolo

L’88% degli italiani ritiene che il contrasto dei cambiamenti climatici e delle loro conseguenze sia la sfida principale del XXI

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.