Deve essere provata con una puntuale motivazione l’impossibilità del rispetto delle quote rosa in Giunta

Deve essere provata con una puntuale motivazione l’impossibilità del rispetto delle quote rosa in Giunta

Nella Sentenza n. 10 del 3 gennaio 2020 del Tar Umbria, i Giudici amministrativi hanno esaminato il ricorso presentato da alcune Consigliere comunali di un Comune con meno di 2.000 abitanti per l’annullamento dei Decreti con cui il Sindaco aveva nominato 3 Assessori, tutti maschi. I Giudici hanno rilevato che la fattispecie in esame risulta disciplinata dall’art. 46, comma 2, del Dlgs. n. 267/2000 (Tuel), il quale statuisce che, in attuazione del Principio di pari opportunità tra donne e uomini, il Sindaco deve garantire la presenza di entrambi i sessi nella nomina dei componenti della Giunta, tenuto pure conto della circostanza che lo Statuto comunale ha utilizzato l’opzione, prevista dall’art. 47, comma 4, del Tuel, prevedendo la possibilità che facciano parte della Giunta anche cittadini non facenti parte del Consiglio comunale. Al riguardo, i Giudici hanno precisato che non può escludersi a priori l’effettiva impossibilità di assicurare nella composizione della Giunta comunale la presenza dei 2 generi. Tuttavia, tale impossibilità deve essere adeguatamente provata, sia mediante l’effettuazione di un’accurata e approfondita istruttoria, sia con una puntuale motivazione del Provvedimento sindacale di nomina degli Assessori, che specifichi le ragioni che hanno impedito il rispetto della suddetta normativa in materia di parità di genere nella composizione delle Giunte. A tal fine, non risultano sufficienti le affermazioni ed i documenti versati in atti dalla difesa comunale. In primo luogo, va evidenziato che dai gravati Decreti di nomina non risulta lo svolgimento di alcuna attività istruttoria per la individuazione di almeno un assessore di genere femminile, né alcuna motivazione sulle ragioni che hanno determinato la composizione della Giunta.


Related Articles

Supporto gestione riscossione: se la responsabilità rimane in capo alla stazione appaltante non serve iscrizione Albo concessionari

Nella Sentenza n. 380 del 31 gennaio 2017 del Consiglio di Stato, i Giudici vogliono stabilire se, rispetto alla gara

“Terzo settore”: pubblicati gli elenchi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio del “5 per mille” 2015

  Sono stati pubblicati il 14 maggio 2015 sul sito dell’Agenzia delle Entrate gli elenchi dei soggetti che hanno presentato

Fabbricati rurali: l’attribuzione di una diversa categoria catastale deve essere impugnata dal contribuente che chieda l’esenzione dall’Ici

Nell’Ordinanza n. 20990 dell’8 settembre 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sull’applicazione dell’Ici ai fabbricati

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.