Esclusione dalla gara: legittima se la RTI è sottoscritta da un soggetto non legittimato

Esclusione dalla gara: legittima se la RTI è sottoscritta da un soggetto non legittimato

Tar Toscana, Sentenza n. 363 del 9 marzo 2017

Nella fattispecie in esame, un a RTI è stata legittimamente esclusa dalla gara aperta per l’affidamento dei servizi di raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, in quanto la dichiarazione di impegno a costituire la RTI era stata sottoscritta per la mandante da un Procuratore, la cui procura notarile era circoscritta alla firma di offerte e documenti relativi alla partecipazione alla procedure di gara su appalti di lavori e concessioni, con esclusione quindi degli appalti di servizi.

Secondo i Giudici toscani l’esclusione è legittima in quanto la domanda di partecipazione risulta sottoscritta da un soggetto sprovvisto dei necessari poteri e non è possibile la ratifica successiva. Tale istituto, infatti, è ammesso dall’art. 1399 c.c. soltanto per il contratto concluso da un rappresentante senza averne i poteri o che ha agito eccedendo i limiti delle facoltà conferitegli ed è una disposizione volta a regolare rapporti tra privati e non è estensibile alle gare ed ai contratti ad evidenza pubblica.

Con i motivi aggiunti i Giudici toscani chiariscono inoltre che nelle gare d’appalto la valutazione in ordine alla gravità delle eventuali condanne riportate dai concorrenti e alla loro incidenza sulla moralità professionale (ex art. 38, comma 2, lett. c) Dlgs. n. 163/06) spetta esclusivamente alla stazione appaltante nell’ambito dell’esercizio del potere discrezionale ad essa attribuito e deve essere effettuata mediante la disamina in concreto delle caratteristiche dell’appalto, del tipo di condanna, della natura e delle concrete modalità di commissione del reato. Laddove l’Amministrazione non ritenga il precedente penale grave ovvero incisivo della moralità professionale del concorrente, non è tenuta ed esplicitare in maniera analitica le ragioni di siffatto convincimento, potendo la motivazione di non gravità del reato risultare anche implicita o per facta concludentia, ossia con l’ammissione alla gara dell’impresa, mentre è la valutazione di gravità che richiede l’assolvimento di un particolare onere motivazionale.


Related Articles

Tarsu: attribuzione di una categoria differente da quella accertata e da quella richiesta dal contribuente

Nella Sentenza n. 1106/1/15 del 19 maggio 2015 della Ctr Bari, i Giudici hanno affermato che il Giudice tributario deve

Appalti: precisazioni Anac sulla decorrenza dell’obbligo di verifica dei requisiti attraverso il sistema “Avcpass”

Con il Comunicato del 22 ottobre 2014, pubblicato sul proprio sito istituzionale dell’Authority, il Presidente dell’Anac ha fornito dei chiarimenti relativi

Diritti di rogito: modalità di riparto in caso di partecipazione di diversi Segretari all’attività rogante

  Nella Delibera n. 52 del 13 luglio 2015 della Corte dei conti Sardegna, un Sindaco ha chiesto un parere