Dichiarazione integrativa: esercitabile anche in pendenza di giudizio

Dichiarazione integrativa: esercitabile anche in pendenza di giudizio

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 20415 del 26 settembre 2014, ha affermato che la possibilità per il contribuente di emendare la Dichiarazione relativa alle Imposte sui redditi, mediante correzione di errori di fatto o di diritto che vanno ad incidere sull’obbligazione tributaria, è esercitabile anche in sede contenziosa al fine di opporsi alle pretese dell’Amministrazione finanziaria.

La correzione della Dichiarazione è possibile anche oltre il termine previsto per l’integrazione della Dichiarazione, coincidente con il termine di presentazione della Dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo. Tale possibilità e riconosciuta solo nell’ipotesi in cui la correzione si riferisca ad errori od omissioni di carattere meramente formale che abbiano determinato l’indicazione di un maggior reddito, o comunque di un maggior debito di imposta.


Tags assigned to this article:
cassazionedichiarazione integrativa

Related Articles

Patto di stabilità: il mancato rispetto implica l’impossibilità di prevedere risorse aggiuntive per la Contrattazione integrativa

  Nella Delibera n. 32 del 3 febbraio 2017 della Corte dei conti Sicilia una Provincia ha chiesto se il

Processo tributario: l’imputato assolto in sede penale può essere ritenuto fiscalmente responsabile

Nell’Ordinanza n. 21126 del 2 ottobre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte rileva che, in tema di contenzioso

Imposta di bollo: assolvimento fin dall’origine anche sui rinnovi delle concessioni di posteggio su aree pubbliche

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 573 del 30 agosto 2021, ha fornito chiarimenti in ordine all’assolvimento dell’Imposta di