Digitalizzazione P.A.: pubblicati i Regolamenti Agid in tema di adozione regole tecniche e vigilanza servizi fiduciari

Digitalizzazione P.A.: pubblicati i Regolamenti Agid in tema di adozione regole tecniche e vigilanza servizi fiduciari

Con due Comunicati Agid (Agenzia per l’Italia digitale) diramati attraverso la Gazzetta Ufficiale n. 141 del 20 giugno 2018 è stata resa nota l’avvenuta pubblicazione, sul Portale istituzionale della medesima Agenzia, di 2 importanti Regolamenti che normano l’operatività dell’Agid in materia di vigilanza dei servizi fiduciari iscritti negli Elenchi pubblici e in materia di adozione di “Linee-guida” per l’attuazione del “Codice dell’Amministrazione digitale”.

I Regolamenti in questione non incidono direttamente sull’operatività dell’Ente ma costituiscono un importante tassello nella definizione ed attuazione del processo di digitalizzazione che sta coinvolgendo le P.A. e il Paese intero.

Con il Regolamento per l’adozione delle “Linee-guida”, come disposto dall’art. 14-bis, introdotto nell’ultima modifica al “Cad” (Dlgs. n. 217/17) in vigore dal 12 gennaio 2018, è stata disposta una nuova procedura per l’adozione delle regole tecniche al fine di garantire un processo di emanazione più snello e quindi più tempestivo rispetto all’attuale modalità mediante Dpcm., indispensabile per avere indicazioni operative puntuali ed aggiornate utili all’attuazione del processo di digitalizzazione richiesto dal “Cad”. In tal senso è stato stabilito che sarà Agid il soggetto che dovrà emanare le regole tecniche la cui adozione, mediante pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dovrà prevedere una consultazione pubblica di almeno di 30 giorni presso il sito web di Agid. Le “Linee-guida” potranno essere di indirizzo o regole tecniche. Le prime conterranno regole generali che permetteranno alle singole P.A. di avere un indirizzo operativo sulla base del quale definire regole di dettaglio, mentre le seconde conterranno, oltre alle regole generali di indirizzo, anche aspetti di dettaglio descritti in apposito allegato tecnico.

L’altro Regolamento adottato ai sensi dell’art 32-bis reca le procedure da adottare da parte dell’Agid previste dall’art. 17 del Regolamento europeo Eidas n. 910/2014, nell’attività di vigilanza al fine di garantire l’affidabilità dei soggetti iscritti negli Elenchi pubblici. Il Regolamento pubblicato in Gazzetta, oltre a descrivere le procedure da adottare e le relative tempistiche attuative per le attività di verifica, definisce le modalità di applicazione delle sanzioni in caso di non conformità, al fine di garantire adeguati servizi non solo nel momento di accreditamento, ma costantemente durante tutta l’attività del prestatore del servizio fiduciario (conservatore accreditato, servizio di identità, gestore Pec).

Regolamento recante le modalità per l’esercizio del potere sanzionatorio ai sensi dell’art. 32-bis del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e successive modificazioni

Regolamento per l’adozione di linee guida per l’attuazione del Codice dell’Amministrazione Digitale


Related Articles

Trasferimenti erariali: erogato l’acconto dei contributi relativi alle fusioni di Comuni

Con il Comunicato 10 luglio 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha reso nota l’avvenuta disposizione, in data

Tarsu: applicabilità del principio “full cost recovery”

Nella Delibera n. 10 del 3 febbraio 2015 della Corte dei conti Abruzzo, un Sindaco ha chiesto se, con riferimento

Notifica degli avvisi di accertamento a mezzo Pec: è necessario usare la firma digitale sul pdf ?

Il testo del quesito: “Al Settore ‘Tributi’ del Comune abbiamo una divergenza di opinioni in merito alla notifica degli avvisi