Dirigente pubblico: il demansionamento illegittimo comporta il risarcimento del danno

Dirigente pubblico: il demansionamento illegittimo comporta il risarcimento del danno

Nella Sentenza n. 56 dell’8 gennaio 2015 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’assegnazione del Dirigente dei Servizi “Finanziari” di un Comune ai Servizi “Demografici” per affermata “rotazione degli incarichi”. Il lavoratore aveva impugnato tale trasferimento sostenendo che l’assegnazione ad altro incarico trovava il suo reale fondamento nei contrasti insorti con la Giunta municipale a seguito di una serie di pareri contabili negativi espressi dal Dirigente. La Corte d’Appello aveva confermato l’illegittimità, accertata dal Tribunale di primo grado, dell’assegnazione del Dirigente ad un ufficio di minore rilevanza determinata dal carattere palesemente ritorsivo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: trattamento fiscale dei contributi pubblici destinati alla formazione professionale e detraibilità in caso di spese finanziate da contributi

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Normativa, con la Circolare n. 20/E del 11 maggio 2015, facente seguito alla Circolare

“Fondo di solidarietà comunale 2015”: erogato il 94,30% della spettanza annuale

Con Comunicato 25 settembre 2015, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha reso noto che nella stessa

Organo di revisione: il parere sugli atti di programmazione dell’assunzione di personale deve essere assunto antecedentemente alla relativa Deliberazione

Nella Delibera n. 461 del 16 dicembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, il quesito posto dall’Ente istante s’incentra sulla