Dispositivo marcatempo: il dipendente che lo porta a casa compie truffa aggravata ma non è perseguibile per danno all’immagine 

Dispositivo marcatempo: il dipendente che lo porta a casa compie truffa aggravata ma non è perseguibile per danno all’immagine 

Nella Sentenza n. 171 dell’8 novembre 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, la questione controversa riguarda un’ipotesi di danno erariale conseguente al reato di truffa continuata ai danni dello Stato. In particolare, il custode di un cimitero veniva arrestato per aver portato il dispositivo marcatempo presso la sua abitazione da dove effettuava la timbratura dell’orario di lavoro. A seguito di ciò veniva, prima licenziato per giusta causa, e poi condannato in sede penale con il rito del patteggiamento per truffa aggravata.

La Procura erariale avviava quindi un’azione di responsabilità amministrativo-contabile ipotizzando, oltre ad un danno da disservizio e ad

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Durc negativo: non è ammessa la regolarizzazione postuma

Nella Sentenza n. 5 del 29 febbraio 2016 del Consiglio di Stato, Sezione plenaria, in seguito ad una gara per

Natura giuridica dell’Addizionale provinciale e della Tia

La Corte di Cassazione torna di nuovo a trattare della questione della natura giuridica della Tia con l’Ordinanza n. 17113

“Legge di stabilità 2016”: il commento, comma per comma, delle misure di interesse per gli Enti Locali

E’ stata pubblicata sulla G.U. n. 302 del 30 dicembre 2015 (S.O. n. 70), ed è in vigore dal 1°