Dissesto idrogeologico: scarso uso risorse e inefficacia misure adottate

Dissesto idrogeologico: scarso uso risorse e inefficacia misure adottate

Con il Comunicato-stampa n. 75 del 6 novembre 2019, la Corte dei conti pone in evidenza la Relazione sul “Fondo per la progettazione degli interventi contro il dissesto idrogeologico (2016-2018)” approvata dalla Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato con la Delibera n. 17/2019, che ha preso in esame le modalità di funzionamento e di gestione del “Fondo”, la governance e le responsabilità dei soggetti attuatori e l’efficacia delle misure emanate. In particolare, i dati scientifici a disposizione dimostrano che il Paese è interessato, in misura crescente e preoccupante, da fenomeni diffusi di dissesto idrogeologico che si sono acuiti, sia per gli effetti dei cambiamenti climatici, che soprattutto per l’aumento del consumo del suolo nel nostro Paese, che è passato dal 2,7% degli anni ’50 al 7,65% del 2017. Nonostante i tentativi intrapresi dai vari Governi che si sono succeduti, non sembra ancora essere compiutamente definita una vera e propria politica nazionale di contrasto al dissesto idrogeologico, di natura preventiva e non emergenziale, coerente anche con una politica urbanistica e paesaggistica, rispettosa dei vincoli ambientali, con interventi di breve, medio e lungo periodo. L’analisi dei dati acquisiti dalle Amministrazioni ha fatto emergere una grave criticità dovuta alla frammentazione e disomogeneità delle fonti con effetti negativi sulla rappresentazione reale del rischio idrogeologico e sulla efficacia degli interventi richiesti. Il sistema di controlli e monitoraggi del “Fondo”, previsto dalle disposizioni normative e regolamentari, è risultato carente e pressoché assente, atteso che il controllo si è concentrato esclusivamente sui dati relativi alla spesa e non è stato esercitato in corso d’opera.

Tuttavia, nello specifico, le risorse effettivamente erogate alle Regioni, a partire dal 2017, rappresentano, negli anni oggetto dell’indagine, solo il 19,9% del totale complessivo (100 milioni di Euro) in dotazione al “Fondo”.

Numerose sono le criticità a livello nazionale e a livello locale:

  • l’inadeguatezza delle procedure e la debolezza delle strutture attuative;
  • l’assenza di adeguati controlli e monitoraggi;
  • la mancata interoperabilità informativa tra Stato e Regioni;
  • la necessità di revisione dei progetti approvati e/o delle procedure di gara ancora non espletate;
  • la frammentazione e disomogeneità delle fonti dei dati sul dissesto.

È inoltre emersa la diffusa difficoltà delle Amministrazioni nazionali e locali di incardinare l’attività di tutela e prevenzione nelle funzioni ordinarie, con il conseguente ripetuto ricorso alle gestioni commissariali.

In conclusione, la Corte dei conti raccomanda l’adozione di un Sistema unitario di banca-dati di gestione del “Fondo”, assicurando in tempi rapidi la revisione dell’attuale Sistema e che il nuovo quadro normativo e regolamentare, di recente introdotto, garantisca l’unitarietà dei livelli di governo coinvolti, la semplificazione delle procedure di utilizzo delle risorse nonché il potenziamento del monitoraggio e del controllo sugli interventi.


Related Articles

Elezioni: il quadro dei rimborsi previsti per chi rientra nel proprio Comune per esercitare il proprio diritto di voto

Riduzioni dal 40 al 60% sul prezzo dei biglietti di treni e traghetti ed esenzione dal pagamento del pedaggio autostradale

Ordinamento contabile: le indicazioni della Ragioneria generale dello Stato ad Enti ed Organismi pubblici per la redazione del bilancio di previsione 2016

È stata pubblicata la Circolare Mef-Rgs 23 dicembre 2015, n. 32, recante indicazioni per Enti ed Organismi pubblici per la

Fondazioni partecipate da Enti Locali: il disavanzo non può essere ripianato mediante riconoscimento di debiti fuori bilancio

Nella Delibera n. 5 del 26 gennaio 2017 della Corte dei conti Abruzzo, un Comune ha, insieme ad altri Enti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.