Divieto di compensazioni di crediti Iva in presenza di debiti scaduti: non si applica se questi riferiti all’Imu in quanto Imposta non erariale

Divieto di compensazioni di crediti Iva in presenza di debiti scaduti: non si applica se questi riferiti all’Imu in quanto Imposta non erariale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 385 del 22 settembre 2020, ha fornito chiarimenti in ordine alla non applicabilità del divieto di compensazione di cui all’art. 31 del Dl. n. 78/2010, in presenza di debiti a ruolo scaduti relativi all’Imu.

La Società istante ha comunicato che dalla Dichiarazione “Iva 2020”, inviata telematicamente in data 30 giugno 2020 – su cui ha apposto il “visto di conformità” il Professionista abilitato – emerge un credito che vorrebbe utilizzare in compensazione “orizzontale” con le ritenute Irpef operate a titolo di acconto sui redditi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Legge Delrio”: fissati i criteri per individuare beni e risorse connesse con l’esercizio delle funzioni provinciali

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 263 del 12 novembre 2014 il Dpcm. 26 settembre 2014, rubricato “Criteri per l’individuazione

Acquisti sottosoglia: a breve l’entrata in vigore dell’aggiornamento delle “Linee-guida” n. 4. Finalmente semplificazione?

Nella Gazzetta ufficiale n. 69 del 23 marzo 2018 è stato pubblicato l’aggiornamento al Dlgs. n. 56/2017 delle “Linee-guida” n.

Utilizzo delle entrate vincolate per spesa corrente

Negli ultimi mesi la Corte dei conti ha posto particolare attenzione sulla necessità che gli Enti Locali avessero contezza delle

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.