Divieto di compensazioni di crediti Iva in presenza di debiti scaduti: non si applica se questi riferiti all’Imu in quanto Imposta non erariale

Divieto di compensazioni di crediti Iva in presenza di debiti scaduti: non si applica se questi riferiti all’Imu in quanto Imposta non erariale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 385 del 22 settembre 2020, ha fornito chiarimenti in ordine alla non applicabilità del divieto di compensazione di cui all’art. 31 del Dl. n. 78/2010, in presenza di debiti a ruolo scaduti relativi all’Imu.

La Società istante ha comunicato che dalla Dichiarazione “Iva 2020”, inviata telematicamente in data 30 giugno 2020 – su cui ha apposto il “visto di conformità” il Professionista abilitato – emerge un credito che vorrebbe utilizzare in compensazione “orizzontale” con le ritenute Irpef operate a titolo di acconto sui redditi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: esclusi i contributi comunitari e regionali, la cui percezione non esclude la detrazione dell’Iva sulle spese se inerenti servizi rilevanti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 16 del 30 gennaio 2020, ha ribadito alcuni concetti in

Affidamento “Servizio riscossione Tributi locali”: remunerazione con sistema dell’aggio o compenso calcolato in percentuale sugli incassi

Nella Delibera n. 238 del 23 novembre 2016 della Corte dei conti Sicilia, un Commissario straordinario di un Comune ha

Accertamento: avviso valido anche senza contraddittorio

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 444 del 14 gennaio 2015, ha statuito che nel procedimento di accertamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.