Durc: nuove regole Inarcassa, mancato pagamento contribuzione minima corrente non è più irregolarità grave

Durc: nuove regole Inarcassa, mancato pagamento contribuzione minima corrente non è più irregolarità grave

Il Consiglio di Amministrazione di Inarcassa, nella sua Riunione del 22 settembre 2015, ha individuato nuove disposizioni di semplificazione per il rilascio del certificato di regolarità contributiva dei propri iscritti, norme che entreranno in vigore dal 1° novembre 2015.

Il mancato pagamento della contribuzione minima corrente, nel 2015 pari a Euro 3.016, non sarà più considerato come elemento d’irregolarità grave e pertanto non sarà più ostativo al rilascio della certificazione.

E’ stata aumentata da Euro 100 a 500 la soglia di debito grave, così come è stata aumentato da 7 giorni a 15 giorni il periodo concesso per la regolarizzazione spontanea dei debiti o per l’omessa Dichiarazione dei redditi, al fine di ottenere il via libera per le stazioni appaltanti. E’ stata inoltre adeguata la validità del certificato estendendola a 120 giorni rispetto ai precedenti 90 giorni.


Related Articles

Finanza locale: la Corte evidenzia i problemi dati dell’esercizio provvisorio e giudica insufficienti le misure del “Decreto Enti Locali”

Con la Delibera n. 25 del 27 luglio 2015 della Sezione Autonomie, pubblicata il 29 luglio 2015, la Corte dei

“Decreto Salva Roma”: in G.U. il Dl. n. 16/14, con disposizioni urgenti in materia di finanza locale

E’ stata pubblicato sulla G.U. n. 54 del 6 marzo 2014, ed è in vigore da tale giorno, il Decreto

Revisori dei conti Comuni, Città metropolitane e Province: le “Linee di indirizzo” per la relazione dei sui bilanci di previsione 2017-2019

Con la Delibera n. 14 del 23 giugno 2017 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione ha approvato le “Linee-guida”