È opportuno per un Comune registrarsi sul Portale dell’Agenzia delle Entrate per la consultazione delle fatture elettroniche ?

È opportuno per un Comune registrarsi sul Portale dell’Agenzia delle Entrate per la consultazione delle fatture elettroniche ?

Testo del quesito: 

E’ ormai prossima la data di scadenza (20 dicembre 2019, a seguito di proroga disposta dal Provvedimento Agenzia delle Entrate 2019, vedi commento all’interno della presente Rivista) per potersi iscrivere sul Portale dell’Agenzia dell’Entrate, al fine di poter accedere alla consultazione delle fatture elettroniche sia emesse che ricevute. A tal proposito si chiede se sia opportuno effettuare la registrazione su tale piattaforma da parte del Comune scrivente”.

La risposta dei ns. esperti.

In merito al quesito postoci, l’iscrizione in esame all’interno del Portale “Fatture e Corrispettivi” costituisce una facoltà, non un obbligo, per cui la valutazione se procedere ad iscriversi o meno spetta al Comune, avendo chiaro che la mancata iscrizione determina l’impossibilità di consultare le proprie fatture attive e passive, che verranno cancellate dai Sistemi, conservando l’Agenzia delle Entrate i soli dati fattura.

Tale funzionalità, precisiamo, è stata richiesta dal Garante della Privacy, che ha ritenuto la memorizzazione delle intere fatture (compreso il campo “descrizione bene e servizio”, che talvolta può contenere anche dati personali o sensibili), eccedente rispetto alla finalità perseguita dall’Agenzia delle Entrate.

Pertanto, la scelta da porre in essere da parte del Comune è puramente gestionale, ovvero occorre capire se serva avere un duplicato della fattura (attiva e passiva) oltre che nel gestionale di contabilità del Comune, anche presso i Sistemi dell’Agenzia delle Entrate per una eventuale ricerca o confronto, tenendo altresì presente che le fatture passive sono conservate anche nella “Pcc”.

Non deve essere trascurata invece la richiesta di conservazione nell’Archivio fiscale delle fatture attive e passive, da inviare entro il terzo mese dalla scadenza di invio telematico della Dichiarazione dei redditi (scadenza fissata al 30 novembre 2019, quindi entro fine febbraio 2020). Infatti, anche se gli obblighi di conservazione ai fini fiscali si intendono soddisfatti con l’invio della fattura al “Sdi” (art. 6-bis del Dlgs. n. 127/2015), ai fini civilistici dovrà essere prodotto l’Archivio fiscale e inviato in conservazione. 

di Francesco Vegni e Cesare Ciabatti


Related Articles

“Pace fiscale”: attivo il Servizio per la compilazione e l’invio delle Istanze di “Definizione agevolata” delle controversie tributarie

Con il Comunicato-stampa 6 marzo 2019, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che da tale data è possibile inviare, tramite

Incompatibilità: l’Amministratore unico di una Società interamente partecipata dal Comune puó candidarsi a Sindaco?

Il quesito: “L’Amministratore unico di una Società interamente partecipata dal Comune puó candidarsi alla carica di Sindaco?” La risposta dei

Ici: se la retta per l’attività didattica svolta nell’immobile ecclesiastico è in linea con i prezzi di mercato, non si applica l’esenzione dall’Imposta

Nella Sentenza n. 10754 del 3 maggio 2017 della Corte di Cassazione, una contribuente aveva proposto ricorso avverso un avviso

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.